Monaco, la Red Bull vince con il pilota sbagliato

F1 – A Monaco la Red Bull trionfa con Perez, con il messicano inaspettato vincitore. Il team di Milton Keynes ha fatto rientrare per primo Perez per la sosta ai box, mossa che poi si è rivelata quella vincente. Poi nel finale del GP “Checo” è stato bravo nel difendersi dagli attacchi di Sainz per via del graining sulle gomme slick media della sua RB18. Verstappen dovrà fare i conti anche con il team-mate Perez per il mondiale?

Nel GP di Monaco la Red Bull vince con… il pilota sbagliato verrebbe da dire. Dopo l’1-2 in Spagna con Verstappen davanti a Perez, la scuderia anglo-austriaca non si sarebbe aspettata di vincere a Montecarlo, almeno non con Perez.

Ma il messicano ha meritato la vittoria della corsa, dimostrando di non essere affatto male come spalla di Verstappen.. Il team ancora una volta ha sacrificato Perez, facendolo rientrare ai box prima dell’olandese. Mossa che poi alla fine si è rivelata quella vincente per “Checo”, bravo a mandare subito in temperatura gli pneumatici intermedi, ed approfittando del pasticcio Ferrari con le strategie, Perez è riuscito a portare la sua terza vittoria in F1.

 

In realtà il capolavoro di Perez è stato alla ripartenza del GP, dopo che i commissari di pista hanno sistemato le barriere alla curva delle Piscine dopo il tremendo botto di Mick Schumacher. Il messicano è stato molto bravo nel gestire il graining che si era formato sulle gomme medie sulla sua Red Bull nel finale di gara. “Checo” negli ultimi 12 giri della corsa monegasca ha dovuto rintuzzare gli attacchi da parte di Sainz, con una Ferrari che andava più forte rispetto alla Red Bull del messicano. Ma Perez è rimasto lucido, senza commettere nessun errore, portandosi così a casa la vittoria che vorrebbe qualsiasi pilota nella sua carriera in F1!

Il team Red Bull applaude Perez, fresco di rinnovo di contratto a quanto pare. Verstappen invece gioisce a metà, perchè se da un lato aumenta il vantaggio sul diretto rivale Leclerc, dall’altro vede il proprio team-mate ritornare prepotentemente in corsa nella lotta per il mondiale. Cosa impensabile sino a qualche GP fa, ma forse dentro di Perez qualcosa si è mosso dopo il GP di Spagna.

L’olandese ha affermato di essere contento per Perez, chissà se il naso gli starà crescendo in questo momento… Ora “Checo” è a -15 da Verstappen, e tra meno di due settimane si correrà a Baku, dove Perez vinse lo scorso anno tra l’altro. La Red Bull ha ufficialmente due piloti in corsa per il mondiale, come gestirà la situazione Horner? Perez e Verstappen saranno davvero liberi di correre, oppure già a Baku verranno dati eventuali ordini di scuderia?

Ad ogni modo il messicano dopo la vittoria a Montecarlo, dovrà fare quell’ulteriore step, alzando ancora l’asticella. La pressione quando si corre in un top team come la Red Bull la si sente. Ma quando ci si trova in lotta per il mondiale lo è ancora di più… Vedremo se Perez riuscirà a reggere il confronto interno contro un mostro sacro come Verstappen..

Alberto Murador


Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".