sabato, Agosto 13, 2022

Aston Martin da il via alla F1 2022: auto e team-principal

Tra annunci e presentazioni, non manca tanto alla fine dell’inverno della F1. Aston Martin ha pubblicato la data di lancio della AMR22 e un nuovo team-principal (che non sarà Martin Whitmarsh). 

di Francesco Svelto |

 

Ieri mattina possiamo dire che si è avviato il mondiale di F1 2022. Certo, all’azione in pista manca qualche settimana ma come si sa l’inverno della massima categoria mondiale del motorsport vive di quegli eventi che risiedono, anzi risiederebbero – meglio usare il condizionale – sotto il nome di “presentazioni” o “vernissage” delle vetture che diventeranno le protagoniste di li a poco in giro per il mondo.

Il condizionale è d’obbligo perché da come accade da circa dieci anni abbondanti, quegli eventi invernali cosi attesi poi finiscono irrimediabilmente per essere delle delusioni. Può capitare che qualcuno si mostri con un rendering computerizzato cosi come qualcun altro porti suppergiù la macchina dell’anno prima mostrando la nuova livrea e qualche aletta qui e li, per poi mostrare la propria macchina soltanto nei test o addirittura alla prima gara. E’ capitato anche questo. E, si sa, qualche giustificazione i team ce l’hanno. Con questi regolamenti cosi stringenti dove il margine di manovra di tecnici ed ingegneri si assottiglia sempre più, tenere nascosta l’artiglieria pesante rispetto a metterla in mostra, diventa quasi una priorità.

Chissà quest’anno come sarà. Con i nuovi, stravolti, regolamenti che – secondo il parere di chi scrive – porteranno ancora di più all’avanzamento di questo fenomeno che tende alla “standardizzazione” e all’uguaglianza tra le monoposto, chissà cosa vedremo.

Intanto, scrivevamo, è notizia di ieri che la Aston Martin sarà la prima a svelare le nuove forme della F1 quando farà cadere i veli (si spera reali e non virtuali) alla AMR22, guidata da Vettel e Stroll, il giorno 10 febbraio. Non manca tantissimo. Piloti quindi confermati ma muretto box stravolto dalla partenza di Otmar Szafnauer, tra i pilastri che hanno portato in alto quella che all’epoca era la Force India e che ha traghettato la transizione verso l’acquisizione da parte di Aston Martin, appunto.

Otmar Szafnauer quindi non ci sarà. Il muretto sarà capitanato da Mike Krack. Forse il nome ai più dirà poco o nulla ma Krack – scusate il gioco di parole – potrebbe essere davvero tale dati i suoi precedenti in BMW dove aveva un ruolo di spicco per i programmi della casa bavarese esterni alla F1 (come IMSA e GT). Inoltre ha lavorato in ambito WEC insieme ad Andreas Siedl, oggi in McLaren, all’epoca in Porsche. Insomma, uno che di motorsport ne sa. E sappiamo bene quanto le persone giuste ai posti giusti possano dare nell’ambito di progetti cosi ambiziosi come quelli di un team di F1, leggasi proprio McLaren per fare un esempio lampante e recentissimo.

Dunque si parte con la Aston Martin, dopo 6/8 giorni sarà la volta della Ferrari. Nel mentre potrebbe esserci qualche altra squadra mentre qualcun’altra si mostrerà solo alle 8.30 della mattina del 23 febbraio, giorno del primo test del 2022 a Barcellona. Vedremo.

Intanto godiamoci questi scampoli di inverno prima di entrare nel vivo dell’azione. Un’azione che si protrarrà quest’anno per ben 23 gare, con tante novità (come Miami) e un calendario super-compatto che terminerà prima del mondiale di calcio in Qatar. Ancora un po’ e si parte.

 

 

 

Francesco Svelto

Francesco Svelto
Francesco Svelto
Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".
- Advertisment -
Google search engine

Ultimi articoli