F1 | Ungheria: Hamilton in pole, disastro Carlos Sainz

Le qualifiche del gran premio di F1 d’Ungheria sulla pista dell’Hungaroring sono state teatro della pole position numero 101 del pilota della Mercedes. Lo scontento di giornata è Carlos Sainz, a muro nel Q2 e costretto a partire dalla quindicesima casella. Farà discutere il rallentamento di Hamilton durante l’out lap che è costato l’ultimo tentativo a Sergio Perez. Settimo Charles Leclerc, apparso tonico e pronto a sfruttare ogni occasione.

Dopo le prove libere in cui Mercedes e Red Bull si sono alternate in testa alla classifica, Il primo lampo delle qualifiche è di Max Verstappen che, alla ripartenza dalla bandiera rossa in seguito all’incidente di Carlos Sainz, è uscito con gomma rossa e ha centrato il miglior tempo del Q2. L’olandese sarà costretto a partire domani con gomma morbida, sulla carta non la migliro gomma anche a causa delle temperature. Durante il Q3 exploit assoluto di Lewis Hamilton e della Mercedes, con Valtteri Bottas secondo a completare la prima fila. Max Verstappen terzo, con Sergio Perez quarto ma senza potersi lanciare nell’ultimo tentativo. Lewis Hamilton ha vistosamente rallentato durante l’out lap finale, con il risultato che il messicano della Red Bull ha preso bandiera. Charles Leclerc ottimo settimo, chiude la top ten Sebastian Vettel con la Aston Martin.

Ecco la griglia di partenza di domani:

https://twitter.com/F1/status/1421474311462920192

Sul fronte Ferrari, ottimo settimo posto di Charles Leclerc, apparso brillante e in sintonia con la sua monoposto, tutt’altro stato d’animo invece dall’altro lato del box: Carlos Sainz ha perso la sua Ferrari in Q2 senza riuscire a far segnare nemmeno un giro veloce e sarà costretto a partire dalla casella numero 15, salvo sostituzione del cambio. Un guaio che non ci voleva, dopo la sostituzione della power unit proprio qui in Ungheria, dal pilota spagnolo ci si aspettava una prestazione più convincente. La gara di domani si preannuncia decisamente rovente. Max Verstappen dovrà assolutamente saltare almeno Valtteri Bottas alla partenza, altrimenti la corsa dell’olandese potrebbe mettersi subito in salita. Resterà da vedere se nessuno presenterà ricorsi in seguito alla condotta di Hamilton durante l’out lap. Di questi tempi, ogni cosa è buona per sollevare polveroni.


Fabrizio Bianchini

Da sempre appassionato di motorsport, specialmente del motorsport "old style" fatto di pazzia, romanticismo e odore di gomma bruciata.