F1 | Ferrari: ” Una domenica all’altezza del sabato”

Charles Leclerc quarto e Carlos Sainz settimo: sono questi i piazzamenti della Scuderia Ferrari nel Gran Premio di Spagna, quarto appuntamento del Mondiale di Formula 1. È un risultato che conferma i progressi evidenti fatti dalla squadra rispetto allo scorso anno, come testimonia il confronto con l’esito di questa stessa corsa nel 2020, conclusa con un distacco dai primi più che doppio. Il potenziale che in qualifica aveva visto la Scuderia affermarsi come terza forza oggi si è tradotto anche in gara, in termini di passo e di gestione degli pneumatici. Non è un caso che la miglior prestazione sul piano tecnico sia arrivata proprio sulla pista più impegnativa di questo inizio di campionato.

Gara perfetta. Charles si è classificato quarto per la seconda volta nel 2021, ma se a Imola quella posizione aveva il sapore della beffa – il monegasco sarebbe giunto facilmente secondo non fosse stato per la bandiera rossa esposta a metà gara – in Spagna è stata il frutto delle sue capacità di guida, dell’accurata gestione degli pneumatici e anche delle corrette scelte strategiche e della capacità della squadra di ottimizzare il potenziale della SF21. Charles è stato autore di un primo giro straordinario, che gli ha permesso di conquistare addirittura la terza posizione davanti a Valtteri Bottas, piazzamento mantenuto fino alla prima sosta, quando poi il pilota finlandese ha fatto valere la velocità della sua monoposto. L’obiettivo della Scuderia era però quello di essere i migliori del gruppo alle spalle dei due team in lotta per il titolo e in tal senso l’obiettivo è stato centrato. Anzi, la prestazione di Charles è andata addirittura oltre le aspettative se si pensa che il monegasco si è messo dietro anche una Red Bull, quella di Sergio Perez.

Partenza difficile. Carlos Sainz ha invece pagato a caro prezzo le conseguenze di una partenza non ottimale in cui ha perso alcune posizioni. Lo spagnolo, che ha concluso dietro Sergio Perez e Daniel Ricciardo, è comunque stato autore di una gara solida che lo ha visto sorpassare Esteban Ocon e lottare fino all’ultimo giro con l’australiano della McLaren attraverso una strategia a due soste che gli ha permesso di essere sempre aggressivo. Nel complesso la Scuderia Ferrari ha raccolto oggi 18 punti – il secondo miglior bottino dopo Imola – molti in più dei principali rivali diretti, che ora sono solo cinque lunghezze avanti in classifica.

Ora Monte Carlo. Il Mondiale ora si ferma per una settimana. Si torna in pista domenica 23 maggio per la gara di casa di Charles, quel Gran Premio di Monaco che lo scorso anno venne cancellato a causa della pandemia.

 

Leclerc

È stata una gara molto buona. Sono partito bene, e la scelta di andare all’esterno in curva 3 ha funzionato. Da lì in poi siamo stati veramente competitivi, con un ottimo ritmo sia sulle Soft che sulle Medium. Certo, il quarto posto era il massimo che potevamo ottenere, ma sono comunque contento, perché dall’abitacolo ci si rende conto nettamente quando si sta facendo bene e oggi come squadra lo abbiamo fatto: direi che è andato tutto alla perfezione. Mi pare evidente che abbiamo fatto molti progressi rispetto all’anno scorso, ed è merito del duro lavoro e dell’impegno di tutti a Maranello.
Eravamo forti nel terzo settore, che è molto tecnico, e spero che questo sia di buon auspicio per la gara di Monaco. È dall’inizio della stagione che andiamo bene nelle curve lente e, incrociando le dita, dovremmo mantenere questo vantaggio anche lì. Non vedo l’ora di correre nella mia gara di casa. Sarà emozionante vedere i tifosi sulle tribune, e spero che sarò competitivo come lo sono stato oggi.

Sainz

Non sono molto soddisfatto della settimana posizione, se devo essere onesto. Ho avuto una partenza difficile, dopo la prima curva mi sono trovato tra due macchine e ho perso un paio di posizioni. Da lì in poi, però, abbiamo avuto un ritmo davvero buono. Oggi la mia vettura era bilanciata come volevo e si comportava bene con le gomme. Ci manca ancora un po’ di velocità sul rettilineo, il che ci rende difficile compiere alcuni sorpassi.
Dobbiamo lavorare per migliorare, e io in particolare mi devo concentrare su alcuni dettagli, perché oggi il quinto posto sarebbe stato alla nostra portata se fossi partito meglio. La strategia ha funzionato, e i ragazzi sono stati veloci nei pit stop. È stato un ottimo lavoro di squadra, qui in Spagna, e portiamo a casa molti punti per il campionato costruttori. Dobbiamo analizzare gli aspetti in cui non siamo stati perfetti e focalizzarci su quelli per fare ancora meglio.

Binotto

Una giornata positiva, con un buon bottino di punti che ci permette di accorciare le distanze dai nostri più immediati avversari. Era questo l’obiettivo principale del weekend e lo abbiamo centrato.
Charles ha fatto una gara impeccabile: aggressivo in partenza, bravissimo nella gestione degli pneumatici, un aspetto su cui abbiamo lavorato tanto insieme a lui. Carlos ha perso delle posizioni in partenza che gli sono costate un piazzamento migliore ma non si è perso d’animo ed è riuscito a recuperarne buona parte.
Torniamo a casa con la convinzione di aver fatto un passo avanti importante sul 2020. C’è ancora molto lavoro da fare per riportare la Scuderia dove dev’essere ma quello che mi fa piacere è vedere la voglia di crescere e di migliorare che sta caratterizzando tutta la squadra, in pista e a Maranello.