F1 | Schittone: “Sebastian Vettel davvero imbarazzante”

F1 | Sebastian Vettel anche ad Imola è stato autore di un weekend incolore. Dopo il deludente GP del Bahrain, ci si sarebbe aspettato un riscatto da parte del pilota tedesco. Ma così non è stato. Seb continua ad incontrare difficoltà di adattamento in casa Aston Martin. Sull’argomento è intervenuto Guido Schittone ai microfoni di Pit-Talk.

Prosegue in F1 il momento no di Sebastian Vettel. Il pilota tedesco dopo l’esordio negativo in Bahrain con l’Aston Martin, non è riuscito ad emergere nemmeno nel round di Imola. Già ad inizio weekend il tedesco aveva mostrato di non trovarsi bene con la vettura sui saliscendi del circuito intitolato ad Enzo e Dino Ferrari. Tale difficoltà si è confermata nel corso delle qualifiche, con un modesto tredicesimo posto.

In gara poi Vettel è stato costretto a partire dalla pit-lane per un problema (brake by wire) sulla sua monoposto. In seguito come se non bastasse, i commissari di gara hanno inflitto una penalità di 10″ a Vettel, poichè i meccanici sono intervenuti sulla vettura oltre il limite previsto dal regolamento.

Poi a 2 giri dal termine, Vettel è stato richiamato ai box per ritirare la sua vettura dalla corsa.

Davvero un momento “no” per il quattro volte campione del mondo di F1. Invece il compagno di squadra Lance Stroll è riuscito ad andare nuovamente a punti. E nonostante sulla carta il pilota canadese risulti inferiore al tedesco, al momento il numero 1 in casa Aston Martin sembra proprio essere il figlio di Lawrence.

Sul momento no di Sebastian Vettel in F1 è intervenuto Guido Schittone ai microfoni di Pit-Talk. Il giornalista parmigiano ha definito il tedesco un pilota imbarazzante. Sentite cos’ha detto Schittone:

Vettel è davvero imbarazzante. Lo dico senza cattiveria e lo difenderò sempre perchè è un gran bravo ragazzo e bella persona. Il pilota di testa c’è ancora ma non riesce ad adattarsi la macchina. Stroll non è che stia facendo sfracelli, pur essendo proprietario del team e conosce la macchina. E’ tutto il comparto Aston Martin in difficoltà e Vettel sta lavorando per capire cosa non va nella vettura, come sta capitando ad Alonso altro grande malato di questa F1.”

E se invece il problema di Vettel fosse solo a livello psicologico e non di adattamento con il suo nuovo team? In queste ultime stagioni è sempre emerso questo tallone d’Achille nel pilota tedesco. Sicuramente tra le qualità di Vettel vi è la bravura nello sviluppo della vettura, e sviluppi tecnici permettendo, il tedesco potrebbe risalire la china verso la seconda parte della stagione.

Diamogli ancora fiducia, diamogli ancora qualche altro GP prima di giudicare Vettel. Il livello attuale di competitività (al di sotto delle attese) dell’Aston Martin di certo non aiuta l’ex ferrarista.

Se poi ci si mettono di mezzo anche la sfortuna e vari problemi tecnici, beh, certamente sarebbe dura per qualsiasi pilota fare delle belle gare!

Tra 3-4 GP se Stroll dovesse ancora risultare davanti a Vettel allora ok, forse per il tedesco arriverà il momento di appendere il casco al chiodo. Ma in caso contrario, per il tedesco sarà già una sorta di rivincita personale.

Alberto Murador


Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: