F1 | Portimao: il fondo Ferrari funziona, prove libere alla Mercedes

Al comando di queste prove libere c’è la Mercedes, che sembra però non convincere del tutto. McLaren si nasconde, mentre la Ferrari prova il nuovo fondo che verrà utilizzato dal prossimo GP.

Inizia il weekend di Portimao, sin da subito ostico per i piloti di F1. In questo venerdì è stata evidente la difficoltà che hanno incontrato i piloti nei confronti della pista. Molti tempi annullati, molti fuori pista, i track limit saranno ancora una volta motivo di discussione.

I saliscendi di Portimao daranno filo da torcere ai piloti che dovranno mantenere la concetrazione alta.

La lotta al vertice è quella che abbiamo visto già nei precedenti weekend, Red Bull-Mercedes, Hamilton-Verstappen, con un acuto di Bottas nelle FP1. Nonostante ciò la Mercedes non sembra essere al 100% del proprio potenziale.

Una Ferrari più performante in entrambe le PL. Il nuovo fondo progettato a Maranello sembra dare i risultati sperati. Nelle PL1 Leclerc è sembrato in palla sia sul giro secco che sul passo gara e lo stesso si può dire di Sainz nelle PL2. Il fondo in questione non sarà utilizzato nel corso di questo weekend, ma verrà introdotto dal GP in Spagna, la Ferrari sembra voler procedere in maniera prudente ma efficacie con gli sviluppi futuri.

A tratti Leclerc a parità di gomma (in questo caso gomma soft) ha mantenuto un passo gara pari a quello di Lewis Hamilton, in difficoltà con la mescola più morbida. Lo scorso anno la Ferrari nonostante il pessimo rendimento, era un po’ più performante qui a Portimao. Quest’anno potrebbe sfruttare i cavalli in più rispetto allo scorso anno per puntare magari al podio, ancora assente in questa stagione.

Confermata la fiducia in casa Ferrari, che procede spedita negli sviluppi, fiduciosa di poter guadaganare il terzo posto costruttori, a discapito della McLaren. Nonostante tutto, oggi si è un po’ nascosta, dopo la super prestazione di Imola.

Questo venerdì è servito ai piloti per prendere confidenza con la pista e ai team di provare gli aggiornamenti (Red Bull, Ferrari, McLaren e Aston Martin). Prepariamoci a vedere domani il vero potenziale delle monoposto.