F1 | La Williams FW43B in rendering e realtà aumentata

La scuderia Williams diretta dal nuovo team-principal Jost Capito, ha svelato la nuova monoposto che prenderà parte al mondiale 2021, affidata ai piloti George Russel, Nicolas Latifi e Jack Aitken come pilota di riserva.

La scuderia Britannica ha svelato la nuova monoposto che affronterà il mondiale 2021, la FW43B, tramite una presentazione innovativa in realtà aumentata (era possibile anche scaricare una app per sfruttare diverse caratteristiche di questa nuova tipologia di presentazione).

 

Dalle prime immagini si può notare un cambio molto importante sulla livera con la seguente cromatura: bianca e blu con tocchi di giallo e un tenue motivo zebrato. Bisogna evidenziare che in passato la colorazione blu ha contraddistinto le vetture Williams, rendendole vincenti, magari sarà di buon auspicio in futuro.

Dal punto di vista tecnico, nella parte anteriore, si può notare che il muso è rimasto uguale a quello del 2020; la sospensione anteriore mantiene un configurazione semplice, con il triangolo superiore spostato più indietro rispetto al triangolo inferiore.

L’ala anteriore è totalmente nuova, caratterizzata nel profilo principale da un ricciolo e con flap molto appuntiti nella parte interna, dove troviamo una paratia laterale con una “svergolatura” ben evidente nel bordo di uscita in maniera da rendere  puliti possibile i flussi d’aria che investono il corpo vettura.

Nella zona laterale invece si può notare una controtendenza contro i team motorizzati Mercedes. Le bocche delle pance sono più strette e la fiancata tende a scendere verso il pavimento per tutta la sua larghezza. Sembrerebbe che i tecnici di Grove abbiano estremizzato la ricerca dell’effetto coanda, in modo da riattaccare il flusso d’aria sul fondo. Inoltre il cofano motore si presenta di forma convessa e questa configurazione fa capire che in Williams hanno sviluppato dei concetti aereodinamici completamente diversi senza prendere spunto dalle altre squadre.

L’airscope rimane con la stessa configurazione tipica dei motorizzati Mercedes, ovvero con l’adozione di due supporti del roll-bar esterni alla struttura carenata. Successivamente si osserva una vistosa “pinna dorsale”, che sostiene la doppia T-wing, per incrementare il carico aereodinamico perduto.

Un aspetto molto interessante da osservare è nella zona dei bargboards, con un boomerang superiore di dimensioni maggiori rispetto alle altre vetture e che nella parte esterna si congiunge con un deviatore di flusso. Sospensione e cambio sono rimasti gli stessi della monoposto della passata stagione. L’ala posteriore è sostenuta due piloni e le paratie laterali sono prive di soffiaggi nella parte svergolata.

In generale la FW43B si presenta per abbandonare le ultime file dello schieramento e lottare per posizioni importanti.

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: