F1 | I risultati dell’indagine FIA sull’incidente di Grosjean in Bahrain

La FIA ha pubblicato un report contenente l’esito delle indagini che una set di personale qualificato ha iniziato subito dopo l’incidente terribile di Romain Grosjean in Bahrain lo scorso novembre.

Di seguito riportiamo il testo FIA in merito alla dinamica dell’impatto. Il testo integrale che espone anche gli impegni FIA per il futuro sul tema sicurezza, potete trovarlo consultando il sito FIA (www.fia.com in ligua non italiana):

Il dipartimento della sicurezza della FIA ha completato le indagini sull’incidente avvenuto sul circuito internazionale del Bahrain il 29 novembre 2020, in cui il pilota francese di origine svizzera Romain Grosjean si è schiantato contro la barriera 180 metri dopo l’apex di curva 3 e la sua vettura del team Haas F1 ha preso fuoco prima che il pilota riuscisse ad uscire, riportando ferite significative ma non mortali.

L’indagine ha incluso una serie di interviste con le persone coinvolte, ispezione delle prove fisiche, analisi del materiale video disponibile, nonché un esame dei dati dal registratore dei dati sull’incidente dell’auto e dagli accelerometri dell’orecchio del conducente.

Questo lavoro investigativo è stato sottoposto a peer-review dal gruppo di studio sugli incidenti gravi della FIA, guidato dal presidente della Jean Todt. Un contributo alle indagini è stato ricevuto anche dall’Associazione Piloti (GPDA). I risultati dell’indagine sono stati presentati alla Commissione dei circuiti della FIA, alla Commissione medica, alla Commissione monoposto, alla Commissione F1, alla Commissione per la sicurezza, alla Commissione dei volontari e dei funzionari e al Consiglio mondiale dello sport motoristico. I risultati saranno presentati anche alla Commissione dei piloti il ​​23 marzo 2021.

L’obiettivo dell’indagine sull’incidente era identificare i fattori che hanno contribuito alle conseguenze dell’incidente, nonché altri fattori terziari che non hanno influenzato la gravità del risultato, ma che tuttavia forniscono insegnamenti importanti per gli sforzi in corso della FIA per migliorare la sicurezza negli sport automobilistici.

 

https://www.youtube.com/watch?v=ZQ7_En2xEm4

 

Analisi dell’incidente

L’indagine si è concentrata sulle due auto coinvolte nell’incidente: la #8 guidata da Romain Grosjean e la #26 della Scuderia AlphaTauri guidata dal russo Daniil Kvyat, osservando che molte altre auto hanno avuto un effetto circostanziale ma non consequenziale sul inizio della sequenza dell’incidente.

Durante il giro di apertura del GP del Bahrain, l’auto di Romain Grosjean viaggiava a 241 km/h quando ha perso il controllo all’uscita della curva 3 a seguito del contatto tra la sua ruota posteriore destra e la ruota anteriore sinistra di Daniil Kvyat durante il tentativo di passare da sinistra a lato destro del binario.

Il contatto ha sollevato la parte posteriore della vettura di Romain Grosjean, costringendola a imbardare a destra e posizionandola su una traiettoria fuori controllo nell’area di fuga all’interno del circuito all’uscita della curva 3. Anche Daniil Kvyat ha modificato la traiettoria ed è entrato nella stessa area di run-off fuoripista ma è riuscito a rientrare poco dopo senza ulteriori contatti.

L’auto di Romain Grosjean ha urtato il triplo guardrail dietro la via di fuga a 192 km/h e con un angolo di 29 gradi, con un’imbardata stimata di 22 gradi rispetto alla direzione di marcia e una forza di picco risultante equivalente a 67g. A seguito del cedimento del binario intermedio della barriera e della significativa deformazione dei binari superiore e inferiore, la cellula di sopravvivenza è stata in grado di perforare la barriera e si è fermata dietro la barriera, vincolata dalla struttura a rullo primario della barriera.

L’auto ha subito danni estesi durante l’impatto, inclusa la separazione del gruppo motopropulsore dalla cella di sopravvivenza. Il portello di ispezione del serbatoio del carburante sul lato sinistro del telaio è stato spostato e il collegamento di alimentazione del carburante del motore è stato strappato dal “sacco di sicurezza” del serbatoio del carburante; entrambi forniscono percorsi primari per la fuoriuscita del carburante dal serbatoio.

L’equipaggiamento di sicurezza del conducente, tra cui casco, il collare HANS e l’imbracatura di sicurezza, nonché la cellula di sopravvivenza, il sedile, il poggiatesta e la protezione frontale dell’abitacolo Halo, eseguiti secondo le loro specifiche, proteggono lo spazio di sopravvivenza del conducente e gestiscono le forze applicate al conducente durante l’impatto.

La batteria del sistema di recupero energetico ad alta tensione (ERS) è stata danneggiata in modo significativo, con alcune parti del gruppo batteria ERS che sono rimaste con il gruppo propulsore e altre sono rimaste attaccate alla cella di sopravvivenza.

Il fuoco si è acceso durante gli ultimi momenti dell’impatto della barriera, partendo dal retro della cella di sopravvivenza e procedendo in avanti verso il conducente.

La posizione della cellula di sopravvivenza, rispetto al binario superiore del guardrail, limitava in modo significativo il percorso per l’uscita del pilota. A causa dei danni alla cellula di sopravvivenza e ad una serie di componenti all’interno dell’ambiente del cockpit, il piede sinistro di Romain Grosjean è stato inizialmente intrappolato quando l’auto si è fermata. Il pilota è stato in grado di liberare il piede estraendolo dalla scarpa e lasciando quest’ultima nella posizione intrappolata nell’auto e quindi ha spostato sia il poggiatesta che il volante per uscire dall’auto.

La gara è stata contrassegnata con la bandiera rossa circa 5,5 secondi dopo l’impatto di Romain Grosjean con la barriera.

Assistenza medica e soccorso

È stata immediatamente avviata una procedura di risposta medica e di soccorso completo a questo incidente. La FIA Medical Car è arrivata entro 11 secondi dall’incidente, un tempo ottenuto in parte grazie al fatto che è stata presa una “scorciatoia” per evitare la curva 1, dimostrando sia la conoscenza del circuito locale che la pianificazione preliminare.

L’arrivo dell’auto medica che trasportava il dottor Ian Roberts, coordinatore del soccorso medico FIA F1, il pilota di auto medica FIA F1 Alan van der Merwe e un medico locale, hanno fornito assistenza immediata a ciascuno di essi che ha svolto un ruolo predeterminato.

Ian Roberts è andato immediatamente sulla scena dell’incidente e ha incaricato un maresciallo di azionare l’estintore a polvere secca intorno alla cabina di pilotaggio, dove ha visto Romain Grosjean nel tentativo di uscire dall’auto. Alan Van der Merwe ha recuperato un estintore dal retro della FIA Medical Car mentre il medico locale preparava la borsa da trauma.

Romain Grosjean è riuscito a uscire da solo dall’auto dopo 27 secondi.

Romain Grosjean ha riportato ustioni al dorso di entrambe le mani. Dopo un primo esame da parte del personale FIA ​​Medical Car è stato trasportato in ambulanza al Centro Medico del circuito per la valutazione. Successivamente è stato trasportato in elicottero al Bahrain Defence Force Hospital per ulteriori valutazioni e cure. È stato dimesso dall’ospedale dopo tre giorni, il 2 dicembre 2020.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: