F1 | Ferrari SF21, quando il problema è lo sponsor verde…

Se tutti guardano allo sponsor di colore verde sul cofano è perché di interessante e diverso evidentemente sulla SF21 non c’è nulla. 

Fan e commentatori che si concentrano su questo aspetto e giustamente ignorano tutto il resto. Perché cosa c’è di nuovo? Un musetto rivisto nelle linee della sua “pelle” esterna. D’altronde lo capiva chiunque che a quel musetto largo e squadrato andava trovata una soluzione. L’unica soluzione, per non spendere i propri gettoni in quell’area era d’altronde rivedere il rivestimento del musetto, non certo la struttura. Tralascio per la rubrica la TecniCAZZATA, che tratterò a Pit Talk, l’errore di chi riporta che sono stati spesi gettoni per il rifacimento della sospensione anteriore… c’è tanto di comunicato Ferrari che recita così: “al retrotreno dove sono stati impiegati i due gettoni di sviluppo consentiti per questa stagione“.

Forse quel è il diversivo, forse gli uomini della comunicazione Ferrari sapevano dove posizionare lo specchietto per le allodole e tutti giustamente dietro: Il verde, il rosso di doppia tonalità…

La SF21 per ora è la fotocopia della SF1000, spero solo che i risultati che otterrà nel 2021 non siano la fotocopia di quelli del 2020. Anche perché peggio o uguale è difficile davvero.

P.S. un motore che da una stagione all’altra fa un salto di 30 cv è inimmaginabile. Per favore non credete a simili valutazioni.


Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: