F1 | Stiria: Verstappen svetta nelle libere (o qualifiche?)

 

Venerdi del secondo appuntamento a Zeltweg per il primo GP di F1 della Stiria all’insegna della Red Bull di Verstappen, con Mercedes che è li a battagliare per il vertice assoluto. Conferma in negativo della Ferrari e dei suoi motorizzati. 

 

di Francesco Svelto |

 

Passateci il titolo un po’ strano, quasi provocatorio, ma il venerdi di Zeltweg 2 (ovvero la seconda apparizione del Red Bull Ring nel calendario a distanza di appena una settimana, ovvero il GP della Stiria) è stato molto strano. Il tutto parte dal fatto che domani è previsto un tale maltempo che chiamarlo semplicemente cosi forse non rende l’idea. A detta delle previsioni meteo, infatti, sarebbe un qualcosa di più simile ad un nubifragio quello che si starebbe per abbattere sul ridente circuito immerso nei boschi della Stiria (da cui questo evento prende il nome). E questo mette a serio rischio il disputarsi delle qualifiche previste per domani alle 15:00.

L’organizzazione potrebbe optare per la disputa delle stesse per domenica mattina alle 10:00 – ricordate, è già capitato un paio di volte in Giappone negli ultimi anni, l’ultima proprio nel 2019 – ma i vari impegni e scalette delle altre categorie potrebbero rendere difficile se non impossibile una tale ipotesi. Hanno assicurato che ce la metteranno tutta, ma non è detto. Onde per cui hanno fatto sapere che qualora non fosse possibile schedulare in questo modo la sessione di qualifica, i riferimenti per la formazione della griglia di partenza sarebbero quelli delle prove libere 2, ovvero quelle di oggi pomeriggio.

Sessione, questa, che ha visto svettare Max Verstappen su Valtteri Bottas. I due sono divisi da 43 millesimi ma non sono stati i soli protagonisti della sessione pomeridiana. Infatti le Racing Point di Perez e Stroll hanno dato spettacolo fino a circa 10 minuti dal termine, essendo in cima alla lista dei tempi usando le mappature motore più potenti tra quelle di cui disponevano, proprio per i motivi descritti sopra. Le due vetture rosa, dunque, non hanno monopolizzato la prima fila bensì la seconda. E i distacchi sono di tutto rispetto, veramente minimi, a conferma del fatto che le due rosa griffate BWT sono vicinissime ai battistrada della categoria (coincidenza?).

 


Un po’ in ombra Hamilton, almeno per quanto riguarda il laptime. Ancora peggio la Ferrari e i suoi clienti di motorizzazione. Leclerc è ad oltre un secondo dalla Red Bull prima in classifica, Vettel è anche dietro alle due Alfa Romeo, in P16 e distaccato di nove decimi dal compagno e di ben 1.9 secondi dal battistrada. E’ il segno che continua a non andare quasi nulla bene sulla sua vettura relativamente al suo assetto. Dietro di lui solo le Haas. Questo da un po’ l’idea della situazione in casa Ferrari. Una situazione che definire drammatica (da un punto di vista sportivo) è un complimento.

In basso l’importante classifica delle FP2 che potrebbe essere presa come riferimento per la griglia di partenza.

 

 

 

 

 

Francesco Svelto


Francesco Svelto

Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".