F1 | La Renault non dice di no a Vettel

Se a fine stagione Daniel Ricciardo dovesse dire addio alla Renault, Vettel non sarebbe da escludere come possibile scelta.

di Federico Caruso | @fclittlebastard

Alla fine del 2020 vedremo scadere molti contratti dei piloti F1. Tra questi anche quelli di Ricciardo e Vettel.

Mentre in casa Ferrari hanno già deciso il futuro con il prolungamento del contratto di Leclerc, in casa Renault ancora non hanno le idee chiare se Ricciardo decidesse di lasciare.

In un’intervista su Canal+ in Francia, il capo Reanult F1, Cyril Abiteboul, ha affermato che Vettel non è una priorità per il futuro del team, ma non esclude un suo probabile ingaggio.

“Non voglio dire di no, dato che è un grande pilota e un grande campione. Abbiamo lavorato insieme sul motore e abbiamo vinto insieme. Preferisco aspirare a lavorare con i piloti di domani rispetto a quelli di ieri. È davvero molto difficile riassumere così, quindi per favore non riassumete così su Sebastian.”

L’obiettivo di Renault per il 2021 è di iniziare a promuovere in F1 qualche pilota dall’Accademia Junior. Per il team di Enstone è un motivo di orgoglio poter far avanzare i propri piloti dalla Driver Academy alla F1. Renault sta portando avanti un programma frutto di un forte investimento per garantirsi un ruolo da protagonista nei prossimi anni in F1. E questo passa non solo dallo sviluppo della monoposto, ma anche, come sta facendo già da un po’ la Red Bull, attraverso i propri piloti dell’Accademia Junior.

Già da quest’anno, i membri junior Christian Lundgaard e Guanyu Zhou si sfideranno nel campionato FIA F2, mentre Max Fewtrell e Oscar Piastri gareggeranno nella serie Formula 3.

Abiteboul, continuando l’intervista: “Tuttavia, abbiamo anche una Driver Academy, con piloti che potrebbero uscire nel 2021 o nel 2022. Dobbiamo tenerlo a mente, dato che abbiamo creato questa Accademia nel 2016 con l’obiettivo di avere un futuro pilota di F1 già nel 2021. Ora sta arrivando il 2021, e dobbiamo portare avanti un nostro pilota. Probabilmente ci sarà Christian Lundgaard. È un’opzione tra le altre: ha la sua stagione F2 da fare, e noi abbiamo la nostra stagione da fare con Daniel.”

Abiteboul ha insistito molto sul fatto che l’Accademia Junior è ancora una grande parte del suo piano per la Renault. Ma per il 2021 questo piano dovrà “essere riconosciuto”.

Per Vettel invece il futuro in F1 rimane una grande incertezza. Dal lato Ferrari dovrà dare dimostrazione alla scuderia di essere un quattro volte campione del mondo ritrovato per tentare il rinnovo. Lato Renault dovrà sperare che Ricciardo dica addio, e poi dovrà battere la concorrenza di piloti giovani e freschi, che come abbiamo visto negli ultimi anni, arrivano in F1 e vanno subito forte.

Non parliamo poi delle porte chiuse in faccia da parte di Red Bull, con Helmut Marko che disse no a Vettel nel 2021.

L’unica alternativa potrebbe essere la McLaren.

La situazione del futuro di Vettel l’avevamo già analizzata tempo fa sulle pagine di F1Sport.it.

Queste ultime dichiarazioni di Cyril Abiteboul allontanano ancora di più Vettel dalla F1, oppure possono dargli qualche speranza?


Federico Caruso

Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.