F1 | Hamilton e Ferrari: Ancora possibile un accordo?

Due settimane fa la suggestione Hamilton Ferrari pareva un caso chiuso. Ora i rumors che vedono Mercedes faticare nel soddisfarne le richieste rimettono in gioco le parti.

Se non c’è stata una trattativa ufficiale di certo c’è stato reciproco interesse. Solo poche settimane fa il nome di Lewis Hamilton era accostato ad un non così fantascientifico passaggio in Ferrari. Poi le line-up delle principali squadre si sono definite e la cosa pareva essere finita lì.

La Ferrari ha blindato Leclerc, la Red Bull Verstappen. Col contratto in scadenza a fine 2020 rimangono così soltanto Vettel ed Hamilton. L’inglese  non ha ancora trovato l’accordo con Mercedes – pareva cosa fatta- mentre il futuro di Vettel dipenderà dal suo rendimento. Hamilton chiede qualcosa come 60 milioni di euro più un ruolo di ambasciatore Mercedes nel mondo.

Il mercato dell’auto, impegnato in una difficile fase di transizione verso l’ibrido – di cui proprio la F1 ne è stata laboratorio di idee e progressi – non sta attraversando un momento florido e il CEO di Daimler non pare intenzionato a assecondare l’onerosa richiesta di Hamilton.

L’unica squadra che potrebbe garantire all’inglese 6 volte campione del mondo un ingaggio monstre è proprio la Ferrari, per il secondo anno consecutivo eletta il brand più forte al mondo.

L’eventuale passaggio di Hamilton in Ferrari torna così una pista da battere. Non solo per i soldi. Hamilton dopo sei titoli mondiali ha due opzioni. Può continuare a rimanere dov’è e  vincere ancora contando su una solidissima base, oppure può pensare di rimettersi in gioco di nuovo.  Andare in Ferrari e tentare di vincere, elevando il proprio status di pilota da straordinario a leggendario. Hamilton era già un campione in McLaren, Mercedes lo ha portato in una dimensione molto più grande, Ferrari non farebbe che coronare l’eccellenza e l’unicità del suo straordinario percorso sportivo.

Non ci sono riusciti piloti come Prost, Alonso, Vettel. Arrivare in Ferrari, tentare di vincere e magari riuscirci subito sarebbe epico. Per di più con l’opportunità di eguagliare o superare i record di Michael Schumacher, leggenda assoluta Ferrari e pilota da cui Hamilton in Mercedes ereditò il sedile nel 2013.

Rimane la questione Leclerc certo. Ad oggi un cardine del futuro Ferrari. E Vettel? Il tedesco è atteso da una stagione di verifica. Potrebbe anche rinnovare si dice ma è chiaro che finchè la questione Hamilton rimarrà non definita la Ferrari non può precludersi nessuna possibilità.

Hamilton è un pilota maturo, avanti con gli anni. Potrebbe correre ai vertici due o tre stagioni ancora. Lo scontro con Leclerc sarebbe uno scontro generazionale epico. In Ferrari ci penseranno molto, dato che Leclerc , comunque giovanissimo, garantisce di poter guardare molto in là nelle stagioni.

La coppia Mercedes Hamilton pareva essere tornata inossidabile e vicinissima al rinnovo ma così non è. La vicenda sarà  il cardine del mercato piloti 2021. Lo scacco matto che potrebbe sconvolgere la griglia.


Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna