giovedì, Agosto 18, 2022

F2 | Correa coma indotto ma stabile

 

Il pilota di Formula 2 Juan Manuel Correa (20 anni) – coinvolto nell’incidente che ha ucciso il pilota francese Anthoine Hubert – è stato messo in coma indotto dallo staff medico.

I suoi genitori affermano che Correa, è in una “situazione critica ma stabile” in un ospedale di Londra dopo le complicazioni a seguito dell’incidente, avvenute dopo il trasferimento dal Belgio in Inghilterra.

L’americano che è nato in Ecuador ha subito una lesione alla colonna vertebrale e si è rotto entrambe le gambe nell’incidente di Spa, lo scorso 31 agosto in Belgio.

I genitori Juan Carlos e Maria Correa hanno affermato che il suo “eccezionale spirito combattivo” sarà sicuramente d’aiuto per aiutarlo a riprendersi.

“Siamo fiduciosi che nostro figlio ci sorprenderà come sempre”, hanno affermato in una nota.

Il pilota americano ha subito un’operazione di ben quattro ore nell’ospedale di Liegi, ma all’arrivo a Londra gli è stata diagnosticata una sindrome da insufficienza respiratoria acuta.

I signori Correa hanno dichiarato:

“Questa è una lesione considerata comune in incidenti ad alto impatto come questo. Sfortunatamente, questa lesione ha portato Juan Manuel a cadere in un’insufficienza respiratoria acuta”.

“Juan Manuel è attualmente in un’unità di terapia intensiva specializzata in lesioni respiratorie. In questo momento è in uno stato di incoscienza indotto e sotto il supporto dell’ECMO.”

Per chi non sapesse cosa è l’ECMO (ossigenazione extracorporea della membrana) è un’attrezzatura simile a quella utilizzata durante un’operazione di bypass cuore-polmone.

Correa Ecuadoregno di nascita, è cresciuto a Miami e vive a Barcellona, ​​corre in questa stagione con la Sauber Junior Team ed è il driver di sviluppo per il team F1 Alfa Romeo Racing.

“Desideriamo ringraziare tutti all’interno e all’esterno della comunità degli sport motoristici per i meravigliosi e premurosi auguri che abbiamo ricevuto, così come i messaggi per una pronta guarigione”, hanno detto i suoi genitori.

“Siamo fiduciosi che Juan Manuel li esaminerà da solo una volta tornato a occuparsi dei suoi account sui social media.”

Sempre i suoi genitori hanno aggiunto che l’aggiornamento sulle sue condizioni è stato pubblicato in onore “dell’onestà e giustezza” di comunicazione che caratterizza Correa.

“Al momento, chiediamo cortesemente che la nostra privacy e il nostro spazio siano rispettati. Come famiglia, dobbiamo riunirci ed essere lì al 100% per Juan Manuel”.

“Maria e io desideriamo cogliere l’occasione per esprimere le nostre condoglianze alla famiglia Hubert per la loro perdita. I nostri cuori sono spezzati e possiamo solo immaginare il dolore che questa perdita ha portato loro.”

Anche se a volte le corse automobilistiche possono mettere a dura prova il sentimento e la forza delle persone, noi della redazione ci uniamo al cordoglio e messaggi di speranza alla famiglia Correa, e al ragazzo in particolar modo, con la speranza di vederlo presto di nuovo sfrecciare a bordo della sua monoposto.

Federico Caruso
Federico Caruso
Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.
- Advertisment -
Google search engine

Ultimi articoli