F1 | Monza: non c’è stato solo Leclerc

Il weekend appena concluso a Monza con la magnifica festa rossa di Leclerc, ha però anche regalato agli appassionati una bella movimentazione al centro della classifica.

Gli alieni, ai primi 5 posti della classifica, stanno gareggiando ormai su un campionato a se, comandati dal cannibale Hamilton, che di certo non si farà sfuggire anche questo campionato Formula 1.

Ma il bello della F1 è che si combatte anche nelle retrovie, soprattutto nel centro classifica, per determinare chi, dopo i top team, è la migliore squadra del circus.

Monza ci ha dato due responsi chiari.

Il primo che la Renault è tornata ad alzare la voce dopo un campionato nel quale non si era mai vista classificare in un GP così in alto.

Il secondo è che Antonio Giovinazzi ha portato la Alfa Romeo Sauber a punti, e da italiani non ci può che rendere orgogliosi.

La Renault a Monza ha totalizzato con il quarto posto di Ricciardo, ed il quinto di Hulkenberg un terzo dei punti realizzati quest’anno.

Un risultato per il team di Enstone che l’avvicina in modo significativo alla McLaren, attualmente al quarto posto a soli 18 punti, che in questi ultimi due GP ha avuto forti problemi.

La Renault ha portato finalmente un motore da 1000CV in pista, Cyril Abiteboul AD del team Renault F1: “Abbiamo un motore potente, non c’è dubbio. Abbiamo superato i 1000 cavalli in gara diversi Gran Premi fa. Sappiamo che alcuni sono scettici e fanno battute al riguardo – ha puntualizzato Abiteboul – ma ci sono misure e dati GPS ed è una realtà”.

Il francese ha dichiarato che uno dei motivi principali del successo al GP d’Italia è stato proprio il motore.

“Non possiamo sempre sfruttarlo come vorremmo a causa dei rischi sul suo utilizzo, ma quando guardi al nostro livello tenuto a Montreal, Spa e Monza, non ci possono essere delle critiche. Siamo contestati sul tema dell’affidabilità ma la realtà è che abbiamo iniziato la riorganizzazione di Viry nel 2016 e tre anni dopo abbiamo un motore di alto livello”.

In casa McLaren invece, hanno da riorganizzare un po’ il team per ripartire in vista del GP a Singapore. In Belgio lo zero ottenuto, è stato migliorato dal solo Norris che ha conquistato un solo punto a Monza. Per non vanificare tutto il buono fatto fin qui, dovranno non perdere la concentrazione.

In casa Racing Point dopo il rinnovo di Perez, hanno festeggiato un settimo posto che ha un sapore di rivincita, finendo addirittura davanti a Verstappen su Red Bull.

Sembrava un weekend difficile, con il pilota messicano diciottesimo in griglia di partenza, ma poi in gara ha saputo essere veloce e costante fino ad arrivare settimo e portare a casa punti, quasi insperati.

La classifica anche gli sorride guadagnando terreno sui piloti davanti, e regala punti preziosi alla sua squadra in chiave campionato.

La Alfa Romeo Sauber ha portato il solo Giovinazzi a punti dopo una magnifica gara, fatta di sorpassi e rischi, che a dirla tutta, ci saremmo aspettati da un pilota italiano in corsa a Monza.

Toro Rosso: Gasly P11, Kvyat DNF

Haas: Grosjean P16, Magnussen DNF

Williams: Kubica P17, Russel P14

La battaglia del centro classifica è in pieno svolgimento.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Federico Caruso

Nato a Roma sotto il segno dei motori turbo V6 nel 1984. Sono sempre alla ricerca di qualcosa che mi sappia emozionare come Ayrton Senna. Scrivo con passione per amore della F1.

Lascia un commento