F1 | Monza 79: Scheckter mondiale nel giubileo Ferrari

Sarà doppietta a Monza, sarà doppietta nel Mondiale, con Gilles Villeneuve che trova in Jody Scheckter un amico e non un rivale (cosa forse diversa da Carlos Reutemann) e, pur essendo ancora in corsa per il Mondiale, gli copre le spalle ben sapendo che la vittoria a Monza sarebbe stata un trampolino formidabile verso il titolo. Scheckter e Ferrari Campioni del mondo, dunque, mentre Villeneuve sarà “costretto” ad aspettare per poter celebrare il suo meritatissimo secondo posto, che però non tarderà ad arrivare.

La Ferrari così celebra nel migliore dei modi i suoi 50 anni di vita, che corrispondono alle 50 edizioni del Gran Premio d’Italia, dove a completare la festa, con un pizzico di nostalgia, ci saranno Regazzoni terzo e Lauda quarto.

Quasi un passaggio di testimone, là dove tutto è iniziato, 4 anni prima, con la rivoluzione trasversale di Forghieri che regala il primo titolo all’austriaco, per finire con la “ciabatta”, una monoposto per certi aspetti anticonvenzionale che però raccoglie grazie all’abilità dei suoi destrieri tutto il possibile, prima di precipitare in un digiuno lungo 21 anni. Ma questa è un’altra storia.


Cristian Buttazzoni

"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)