Pit Talk | Minardi: "Mercedes al traguardo con tanta benzina a bordo"
 

 


Pit Talk | Minardi: “Mercedes al traguardo con tanta benzina a bordo”

Interviene a Pit Talk Giancarlo Minardi. Con lui commentiamo i fatti del GP di Cina, lo strapotere Mercedes, la delicata situazione in Ferrari.

La decisione presa della Ferrari per gestire i suoi piloti durante GP della Cina è l’argomento che tiene maggiormente banco tra appassionati e tifosi. Ecco il parere di Giancarlo Minardi alla domanda da studio di Antonio Granato : Condividi la scelta?

Prima di tutto bisogna conoscere il programma Ferrari. Era stato dichiarato che la prima guida era Vettel, oggi i piloti sono a pari punti .E’ stata una scelta di recupero di Vettel che ha auto ancora qualche problemino (Bahrain ndr) . Non lo condivido come gioco di squadra, andavano uguali i piloti, questa manovra ha complicato la strategia di gara facendo perdere anche il 4° posto.

Difficile da comprendere … ( Antonio da studio)

L’operazione, che non condivido, va capita nella logica del recupero di Vettel . Non va fatto un ragionamento da ultrà, la casa ha la precedenza su tutto. Ciò che è successo in Bahrain è frutto di un momento di nervosismo di Vettel che l’anno scorso ha vanificato quello che ha fatto nella prima parte di stagione. C’è un fatto psicologico e mentale e la Ferrari deve fare il 101% per avere una squadra che a mio parere è la più forte degli ultimi anni.

 

Il parere di Giancarlo Minardi va quindi nella direzione di chi comprende la necessità di tutela di quello che la Ferrari ha dichiarato essere il proprio pilota di punta. Un ragionamento corretto, non da tifoso ma da uomo esperto di Formula1 che si è trovato più volte nei panni di colui che dal muretto deve prendere decisioni sui propri piloti in pista.

Riguardo alla SF-90 Minardi dice:

L’affidabilità in questo momento condiziona tutta l’operatività della macchina. La monoposto, per quel che si puo vedere in TV, è abbastanza bilanciata di telaio. Probabilmente manca qualcosa di motore. Il motore è conseguenza dell’affidabilità e questo porta la Ferrari ad usare una strategia diversa rispetto a quanto visto in Bahrain

2019 Chinese Grand Prix, Sunday – Wolfgang Wilhelm

Sulla Mercedes:

“Mercedes è la macchina da battere. Ha vinto 5 mondiali , inutile nascondersi. Hanno corso in Cina con tanta rilassatezza. Voci mi dicono che è arrivata -al traguardo- con tanta benzina a bordo. Significa che non hanno tirato negli ultimi giri o addirittura tutta la gara. I risultati di Barcellona dobbiamo dimenticarli, è una rincorsa contro i più forti. Bisogna rimboccarsi le maniche, non gridare “ al lupo al lupo” cercare di recuperare e concentrarsi su obiettivi che siano più da Ferrari

 


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento