F1 | Cina: Vettel vs Leclerc, è finita la quiete?

La Ferrari come previsto si trova a dover gestire l’arrembante Leclerc. Qui in Cina lo fa in modo pessimo con una strategia suicida sulla Red Bull di Verstappen. Il risultato? Una  sicura quarta piazza  gettata al vento.

Per la Ferrari il GP della Cina è stato deludente. La rossa incassa la terza doppietta consecutiva di Mercedes, la quale sembra poter esercitare in pista uno strapotere inarrestabile. Se in Bahrain la vittoria era sfuggita per l’affidabilità qui in Cina come in Australia alle rosse di nuovo è mancata la prestazione.

E’ questo il valore della Ferrari o la monoposto non sta girando a piena potenza consapevole di possibili rotture. Staremo a vedere. Intanto la convivenza tra Leclerc e Vettel sta dando i primi segnali di scricchiolio.

Se in Australia Leclerc era stato invitato a non sopravanzare Vettel, in Bahrain l’aveva sonoramente battuto, qui in Cina è stato prima invitato a lasciargli strada poi “tenuto alla larga” dal capitano con una strategia quantomeno discutibile.

Se le gerarchie a Maranello sono consolidate è anche vero che Leclerc sta facendo di tutto , merito suo sia chiaro, per provare a ribaltarle. Dopo averlo sopravanzato al via Leclerc via radio, è stato invitato a cedere la posizione a Vettel il quale si dichiarava -senza poi dimostrare di esserlo- nettamente più veloce.

Vettel con pista libera ha guidato al limite, forse leggermente oltre, senza riuscire però a staccare il compagno in maniera considerevole. Il ritmo delle Ferrari era pressoché identico.

A mettere distanza tra i due  ci ha pensato la Ferrari ritardando il Pit di Leclerc permettendo cosi l’avvento della Red Bull Honda di Verstappen in quarta posizione, errore di gestione grave.

La considerazione è questa. Vettel ha conquistato il suo primo podio della stagione guidando al massimo, Leclerc che in qualifica e in gara non ha brillato gli è stato vicinissimo. La Ferrari deve prender decisioni? Sicuramente deve reagire presto ritrovando la prestazione; certamente non può più  regalare una posizione con una strategia suicida come quella di oggi.

Dall’Europa, i cui circuiti sono meglio conosciuti dal monegasco, Vettel e Leclerc, saranno in “guerra”. La Ferrari è pronta?

Essere impreparati su questo tema non farà che allargare il divario con Mercedes.

 


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento