F1 | Cina: Mercedes, una formalità la doppietta in gara

La Mercedes ha conquistato una facile doppietta nel GP della Cina, con Lewis Hamilton primo davanti a Valtteri Bottas. Sin dalla partenza non c’è stata storia, con la W10 nettamente superiore agli avversari. 

La Mercedes conquista la terza doppietta consecutiva in altrettante gare. La superiorità è stata disarmante nei confronti degli avversari, nel corso di tutto il weekend. Dopo aver dominato prove libere e le qualifiche di ieri, la W10 ha dimostrato la sua solidità nel corso della gara. Lewis Hamilton ha tagliato il traguardo davanti a tutti, precedendo il team-mate Valtteri Bottas di circa sette secondi.

Il pilota inglese è stato molto bravo al via nel scavalcare Bottas, con quest’ultimo che non ha sfruttato al meglio la partenza dalla prima casella.

Dopo la partenza, è stata quasi una sorta di formalità la vittoria di Hamilton, con il britannico che ha imposto un ritmo davvero forte e costante nel corso di tutta la gara. Nemmeno il team-mate Bottas non è riuscito a tenere lo stesso passo, pur avendo la stessa monoposto di Hamilton.

La vera prova di forza della Mercedes è stato soprattutto il primo stint con la mescola media, quella utilizzata nel corso della Q2 per qualificarsi nella Q3. Sia Ferrari che Red Bull perdevano costantemente oltre il mezzo secondo a giro, a dimostrazione che la W10 si è trovata molto a suo agio con il pieno carico di carburante. Poi nella fase centrale e quella finale del GP le prestazioni tra la Mercedes e gli avversari si sono livellate, ma è chiaro che la monoposto tedesca ne aveva di più.

Ora dopo tre GP, i due piloti delle “Frecce d’argento” hanno preso il largo in classifica. Hamilton a quota 68 punti, diventa il nuovo leader della classifica piloti, con Bottas ora secondo con 62 punti. Il terzo che è Verstappen è distante quasi di trenta punti. Vettel e Leclerc subito dietro all’olandese. Per quel che riguarda i costruttori, è ancor più ampio il divario. Mercedes a quota 130, con la Ferrari seconda a quasi 60 lunghezze di distacco.

Dunque archiviata la corsa numero mille della storia della F1, possiamo tranquillamente affermare che la W10 è la vettura da battere. Non che prima vi erano dei dubbi a riguardo. Una vettura che si comporta molto bene nelle curve, soprattutto quelle ad ampio raggio. Inoltre la Mercedes dimostra di essere una monoposto molto gentile con gli pneumatici, oltre che essere molto affidabile.

Insomma questa W10 sembra non avere punti deboli. Hamilton e Bottas ringraziano, Toto Wolff se la ride assieme al Presidente Zetsche. Mentre Alla Ferrari ed alla Red Bull restano solo le briciole. Prossimo appuntamento tra due settimane sul circuito cittadino di Baku per il GP dell’Azerbaijan.

Alberto Murador


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento