F1 | Un “solido” Bottas merita la Mercedes ?

A ruote ormai ferme si pensa alla stagione appena conclusa. E’ triste vedere Alonso lasciare la F1 e passare al ruolo di test driver il giovane Ocon. E con Ricciardo in Renault inevitabilmente il pensiero va allo strapotere Mercedes non sfruttato al meglio da Valtteri Bottas…

di Marina Beccuti

 

La F1 ha chiuso i battenti e si appresta a vivere un 2019 pieno di novità riguardo al parco piloti. Leclerc va in Ferrari al posto di Raikkonen, passato in Sauber. Ricciardo passa in Renault, con Gasly che va ad affiancare Verstappen in Red Bull. Kubica torna in F1 e lo fa con la Williams, esce Vandoorne e lascia Alonso.

La lotta mondiale sarà ancora, probabilmente, tra Vettel e Hamilton, mentre c’è da valutare se sarà competitiva o meno la Red Bull motorizzata Honda.

A tutto questo c’è da porsi un perché. Bottas – che nonostante un passo in qualifica ed in gara mediamente migliore rispetto al passato in riferimento a Lewis Hamilton – ha vissuto una stagione difficile, a volte succede al secondo anno con un nuovo team, quando si aspetta un miglioramento da un pilota che ancora deve dimostrare molto per diventare grande ma che invece ha avuto una stagione meno competitiva rispetto all’anno scorso, quando almeno tre vittorie le aveva ottenute.

E’ chiaro che avere un compagno, che ormai è leggenda, come Hamilton, non facilita il compito, ma se hai una buona dose di orgoglio e volontà, cerchi in ogni momento se non di batterlo, almeno di essere alla sua altezza. Ma Bottas non è mai riuscito a vincere un duello in pista, nella lotta testa-testa con un avversario, da Vettel e Verstappen, per passare anche a Raikkonen e Ricciardo.

C’è il dubbio che nemmeno in Mercedes siano del tutto convinti della sua tenacia in pista, è vero che mai come quest’anno ha dovuto sobbarcarsi il ruolo di secondo pilota per favorire il compagno di squadra, in alcune occasioni farsi da parte per permettergli di portare a casa più punti possibili e vincere il titolo.

Ma si ha anche l’impressione che in queste gare, come a Baku per esempio, alla fine Hamilton avrebbe vinto ugualmente.

Stride un po’, con tutto rispetto per il finlandese, di vedere lui su una Mercedes e Alonso essere costretto a ritirarsi dalla F1 per mancanza di un sedile vincente, Ricciardo andare in Renault, che non è di certo il team più forte (sempre che il prossimo anno non faccia un bel salto di qualità).

Così Ocon è passato fare il test driver alla corte di Wolff, in attesa che succeda qualcosa in F1 che lo riporti a correre in modo ufficiale.

Molti pensano che il suo ruolo sia quello di mettere pressione proprio a Bottas, che se non dovesse convincere, Ocon potrebbe rimpiazzarlo, visto che il pilota finlandese ha solo un anno di contratto. Nessuno lo vuole bocciare prima che cominci la nuova stagione (nemmeno nei test di Abu Dhabi in questi giorni ha brillato), però si ha l’impressione che in F1, ai vertici, non ci siano sempre i più meritevoli, salvo coloro che vincono, o meglio stravincono, come Hamilton.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...
Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com