F1 | Renato Ronco: “Terrorismo mediatico il commento TV di Vanzini e Genè”

Il Gran Premio del Brasile 2018 passerà alla storia per due motivi fondamentali. Il primo positivo e l’altro negativo.

Il primo per la vivacità agonistica, con un finale talmente serrato da far chiudere i primi 4 in meno di 5 secondi. Ed è una buona notizia perché ultimamente la Formula 1 non offriva certo motivi spettacolari. Qui invece si sono visti duelli ravvicinati anche fra i due veri leoni della scena attuale: Hamilton e Verstappen, impegnati in un testa a testa che ha visto prevalere il giovane olandese nel confronto diretto, ma il saggio e maturo inglese nell’economia generale della corsa.

Scenari che non si vedevano da tempo, con una prestazione maiuscola di Ricciardo che partito undicesimo ha sfiorato il podio per il terzo posto conservato di misura da un coriaceo Raikkonen che ha salvato l’onore della Ferrari. Sulla gara di Vettel è meglio sorvolare. Come sulle ambizioni delle rosse che volevano contrastare il titolo costruttori: difesa naufragata.

E veniamo al secondo motivo: lo scontro fra Verstappen ed Ocon. Vicenda stigmatizzata dalla direzione di gara e indiscutibile. Un doppiato che provoca l’uscita del leader è raro. Anche se Verstappen si è mostrato ingenuo , o troppo convinto del “ Mo’ passiamo noi, fatevi da parte!”.

Ma l’aspetto più grave è stato il “terrorismo mediatico” del commento televisivo di Sky.

Io, per principio, non esprimo mai giudizi sulle prestazioni dei commentatori della Formula 1: ho fatto quel lavoro per tanto tempo, ne conosco difficoltà ed impegno, e quindi mi astengo sempre da valutazioni in proposito.

Ma questa volta trovo che l’aver immediatamente lanciato il sospetto che la manovra di Ocon fosse ispirata o addirittura comandata dalla Mercedes (per il solo fatto che la sua vettura fosse motorizzata Mercedes ) mi è sembrato un messaggio improprio e pericoloso. Anche perché il tema è stato cavalcato da Vanzini e da Genè a più riprese e con accenti pesanti. Soltanto il collega Chinchero ha cercato di ammorbidire leggermente l’accusa.

Ebbene, trovo pericoloso, oltre che negativo, questo commento perché instilla nella gente quel tarlo che poi si esplicita con quelle minacce che già costrinsero in passato Hamilton a dover ricorrere alla scorta (!) per timore di essere aggredito dai tifosi.

E poi a quale pro’? Per difendere la disfatta Ferrari ? Non ce n’era bisogno visto che la gara ne aveva dimostrato nettamente l’inferiorità perfino nei confronti di una imprevedibile Red Bull.

E allora? Un monito: non gettiamo messaggi di antisportività in uno sport che già è abbastanza viziato dagli interessi economici. E ricordiamoci che i piloti rischiano la pelle!


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (10 votes, average: 4,10 out of 5)
Loading...

Renato Ronco

giornalista, specializzato in motoring sportivo e commerciale dal 1963

  • Gabriele Dal Canto

    Io penso che le accuse derivino dal fatto che il signorino Ocon è recidivo di Monaco, dove “ammise”(o quasi) che essendo pilota Mercedes deve favorire i piloti del Team “capo”… Non sono d’accordo sul criticare così il commento di Vanzini e Gené… io l’ho pensato quasi subito… prima di loro… il ragazzo ha perso la testa secondo me e non sa più cosa fare, è stato appiedato(giustamente) e non connette più il cervello al piede destro… nei kart non ha vinto nulla di buono… non è mai stato un gran che come pilota e quest’anno ha dimostrato di non esserlo nemmeno come uomo…

    • frankitt

      perfetto d’accordissimo con te dopo le dichiarazioni di montecarlo io sono sicuro che lo ha fatto apposta!!

    • Progressive

      Come ha fatto ad arrivar in F1, solo pagando…?!

      • Cristian Buttazzoni

        mi sembra appena il caso di evidenziare che se c’è qualcuno che ha la valigia gonfia è proprio colui che gli toglierà il sedile in Racing Point dalla prossima stagione,. vale a dire Lance Stroll…

      • Gabriele Dal Canto

        Non tutti quelli che arrivano in F1 sono campioni… Vedi Merhi, medi Wherlein, vedi Alguersari, vedi Sirotkin, vedi hulkenberg… Non per forza se arrivi in F1 hai vinto qualcosa di importante … Magari dai idea di avere una buona base di partenza ma se poi la testa non fa il click giusto non vai oltre una mediocre squadra e ad oggi spesso vieni appiedato dopo poco… Vedi Wherlein, vedi Merhi vedi ocon…

  • Alessio Sciascia

    Per l’autore dell’articolo un grande vaffanculo!!!

    • Cristian Buttazzoni

      a uno che fa il giornalista da 55 anni? Bonjour finesse!

      • rpm86

        Concordo pienamente con te Cristian. La tastiera a volte da alla testa …

    • Progressive

      Io rimpiango Paolo Leopizzi…

      • Francesco Bagini

        Leopizzi era davvero un grande, manca anche a me. Il suo commento era fatto di ragionamenti, non di sparate. Aveva uno stile compassato, molto più aderente alla realtà dell’attuale esagitata cabina di commento…

        • Progressive

          Purtroppo ha sottovalutato un momento e l’ha pagata a caro prezzo!!!

    • http://scalexsanremo.altervista.org scalexsanremo

      Solo una cosa: Vergognati !

  • Krokko

    Sono d’accordissimo con Ronco, del quale fra l’altro rimpiango ancora le cronache su TMC in accoppiata con Forghieri. C’è una bella differenza tra far passare una Mercedes che ti doppia (che peraltro saresti obbligato per regolamento) e buttare fuori volutamente un avversario come si vuole far intendere. Oltretutto se l’intenzione fosse stata davvero quella, Ocon avrebbe potuto benissimo sbattere fuori Verstappen già in precedenza, nel rientrare in pista dopo il cambio gomme, fra l’altro rischiando solo 5 secondi per non aver rispettato le bandiere blu. Ma non l’ha fatto.

  • McGyver

    Mancava solo che tirassero fuori le scie chimiche e poi i due complottisti avrebbero completato il lavoro.
    Già dal giorno prima, con il vittimismo in loop per la mancata sanzione a Hamilton, avevano abbondantemente rotto le scatole.

  • sissi

    Perfettamente d’accordo con Renato Ronco sulla doppia analisi della gara. Alla fine noi spettatori non ci godiamo neanche più lo spettacolo, chi fa le telecronache ha notevoli responsabilità, da giornalista anche di deontologia.

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com