GP Austria - La rivoluzione austriaca
 

 


GP Austria – La rivoluzione austriaca

Il Gran Premio d’Austria ha rivoluzionato le classifiche del Mondiale 2018 proponendo una gara appassionante e ricca di spunti interessanti.

foto Massimo Bottazzi

Dal crollo del tutto inatteso della Mercedes (due macchine ko ed un macro errore di strategia) e specialmente di Hamilton che perde la leadership del Campionato, allo spirito battagliero di Raikkonen che conquista il secondo posto davanti a Vettel che torna al vertice della classifica, fino alla vittoria di Verstappen -indiscutibile – nonostante che la RedBull lasci sul campo la vettura di Ricciardo.

Da apprezzare la scelta della Ferrari di non aver chiesto a Raikkonen di lasciare il passo al compagno Vettel ( come qualcuno si sarebbe aspettato per tante ragioni): una prova di sportività da parte della squadra di Maranello che va sottolineata.

Ma lo scuotimento più energico alle classifiche lo troviamo fra i team della serie B, che trova la conferma di una tale definizione anche nel fatto che tutte le auto delle squadre che noi abbiamo così definito, sono state doppiate dai piloti dei team di serie A.

Ora è la Haas che comanda questa classifica con un balzo di 22 punti in un sol colpo grazie al 4° e 5° posto dii Grosjean e Magnussen per un totale di 49 punti. Scavalca così sia la McLaren che va a 44 punti con i 4 ottenuti dal sempre costante Alonso, e la Force India che con Perez (8 )ed Ocon (6) va quota 42. Debacle invece per la Toro Rosso che perde la vettura di Hartley, lascia fuori dai punti quella di Gasly ed ora rischia il sorpasso dalla Sauber-Alfa che è a sole 3 lunghezze., grazie al solido Leclerc ed al discreto Ericsson. Desolatamente ultima ancora la Williams.

In definitiva un trionfo di Verstappen che ora è meno scavezzacollo, è più redditizio e addirittura più umano, da umanoide che era. Posso fare un parallelo ardito? Mi ricorda Gilles Villeneuve, ma con oltre 10 anni di meno e trasferito negli anni 2000! Sarà davvero lui il protagonista del 2019?


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Renato Ronco

giornalista, specializzato in motoring sportivo e commerciale dal 1963

Lascia un commento