Montecarlo: una concreta Ferrari conquista il podio e rosicchia punti

Montecarlo positiva per la Ferrari. Vettel in piazza d’onore e Raikkonen, quarto, un po’ anonimo ma nonostante tutto davanti a Bottas, hanno guadagnato punti importanti in ottica campionato. La vittoria, però, non era alla portata nonostante il problema che ha rallentato il vincitore, Daniel Ricciardo. 

di Francesco Svelto |

Media preview

La Ferrari lascia Montecarlo con un secondo e quarto posto che sono, effettivamente, ciò che di più realistico ci si poteva aspettare oggi, stando a quanto visto fino alla vigilia. Vettel davanti a Hamilton, Raikkonen davanti a Bottas in una gara sicuramente non spaziale soprattutto per quel che riguarda il ritmo dei piloti delle primissime posizioni.

 

La Ferrari non partiva coi favori del pronostico sul tracciato monegasco. Si sapeva da molto tempo che Red Bull poteva andare molto più forte, date le sue caratteristiche della vettura, nello sfruttare le mescole che Pirelli ha portato tra le strade del Principato. Tuttavia, dalle prove di giovedi, si poteva pensare che sul ritmo gara la Ferrari potesse giocarsela, andando ad essere più costante e gentile sulle gomme rispetto a quanto mostrava Red Bull con entrambi i piloti.

Tutto sommato è stata una gara positiva per le rosse anche in ottica mondiale. Seb Vettel ha rosicchiato tre punticini a Lewis Hamilton – adesso il distacco iridato è quantificato in 14 punti – ma la cosa più importante è che si va verso il Canada con rinnovata fiducia dopo una gara, quella in Spagna, dove anche per la questione gomme il morale attorno alle rosse sembrava avere un trend in calando.

La gara di Vettel è stata attenta, intensa. Partito bene dalla seconda piazza, il tedesco ha accusato un certo distacco nella prima parte della gara, quando Ricciardo sembrava allungare agevolmente e tenere un distacco importante. Poi il problema all’australiano, con Vettel che si è avventato come un falco sul posteriore della Red Bull per capire se era possibile sfruttare una qualsiasi situazione che avrebbe favorito un sorpasso. Ma cosi non è stato.

Tuttavia Vettel ha giudicato positivamente la prestazione della sua Ferrari:

“Il passo l’avevo, ma è stata un gara complicata. Ricciardo ha avuto le risposte a ogni problema. Nel primo stint ero veloce ma non abbastanza per superarlo, nel finale non avevo più fiducia nelle gomme!”.

 

Vettel ha fatto riferimento alla fiducia nelle gomme in quanto, cosi come tutti i suoi colleghi delle prime quattro posizioni, ha cambiato molto presto le gomme hyper passando alle ultra. Contro ogni previsione della vigilia (e di Pirelli), però, le gomme a banda rossa hanno resistito fino al traguardo, complice anche il ritmo blando imposto dall’australiano a causa del problema tecnico avuto.

Per quanto riguarda Raikkonen, la sua gara è stata sicuramente positiva in termini di risultato assoluto ma, forse, tendente all’anonimo in quanto a consistenza. E’ stato lo stesso finnico ad ammettere che non si poteva fare altro che mettersi all’interno del trenino di vetture e aspettare un qualche tipo di evento da chi era davanti:

“Ci siamo limitati a seguire chi ci stava davanti visto che era impossibile superare. Non si poteva fare altro che questo!”

 

Ad ogni modo Montecarlo è sempre stata una gara a se e i risultati ottenuti nel principato, per quanto valgono esattamente come tutti gli altri, vanno presi assolutamente con le molle. La Ferrari guarda verso il Canada con ottimismo, pista assolutamente differente da Monaco e dove saranno importanti i cavalli del motore e l’efficienza dei freni. La Ferrari è consapevole che su entrambi i fronti può lanciare la sfida alla casa di Stoccarda.

Francesco Svelto


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Francesco Svelto

Non un tifoso della F1... ma un appassionato di tutto ciò che è pure-racing a 4 ruote! Nota bene, ho scritto "pure-racing".

Lascia un commento