Minardi Day, Tarquini: ” Verstappen ancora troppo esuberante “

La redazione di F1Sport.it ha avuto il piacere di intervistare Gabriele Tarquini al “Minardi Day” ad Imola. Con il pilota abruzzese abbiamo parlato di Minardi day, F1 e WTCR, ovvero il campionato dove corre Tarquini.

Gabriele Tarquini è stato tra i numerosi piloti presenti ad Imola in occasione della terza edizione del Minardi Day. Con il pilota abruzzese abbiamo fatto una piacevole chiacchierata, parlando di Minardi Day, di F1 e di WTCR. Categoria dove è impegnato attualmente Tarquini.

Gabriele, innanzitutto cosa ne pensi di questo Minardi day giunto alla sua terza edizione?

” E’ bello perchè si rivedono tanti volti degli anni passati. Poi è un punto di ritrovo per i tanti appassionati che possono entrare e vedere dal vivo i protagonisti alcuni di oggi, ma soprattutto di ieri. “

Parlando invece di questa F1 attuale come vedi questa stagione?

” Bella ed incerta, ci sono stati vincitori diversi, prima la Ferrari, poi la Red Bull e la Mercedes con un po’ di ritardo. Penso che dal punto di vista dello spettacolo possa essere un bell’anno. C’è quell’incertezza che fa bene a qualsiasi campionato, soprattutto alla F1. Dopo tanti anni di dominio assoluto della Mercedes, quest’anno sembra essere diverso. “

Potrebbe essere l’anno buono per la Ferrari?

” Beh, le premesse ci sono tutte. La macchina sembra competitiva, Vettel sembra essere più determinato che in passato. L’auto sembra essere veloce, lo dimostrano anche le pole position, i numerosi giri in testa percorsi dalla Ferrari in questi primi GP, e non sembra esserci più una netta superiorità della Mercedes. Vedo un gran motore finalmente ben sviluppato da Maranello, punto debole della rossa in questi ultimi anni. Penso che ci siano tutti gli ingredienti per far bene. “

E da pilota invece, come giudichi il contatto tra Ricciardo e Verstappen nell’ultimo GP di Baku?

” A me Verstappen non fa impazzire. Lo reputo un giovane troppo esuberante, va molto forte, però ormai dovrebbe avere quell’esperienza in più per non cercare il contatto in pista. Perchè prima o poi troverà qualcuno che sarà aggressivo come lui. Facile essere aggressivo quando non ti giochi il mondiale. Quando non hai nulla da perdere, tutto ti è permesso, anche questi giochi cosiddetti sporchi. Bisognerà vedere quando Verstappen un giorno si giocherà il mondiale, perderà forse la sua esuberanza. Spero che trovi qualcuno come lui che si giocherà la singola gara e che lo butterà fuori. ”

Cambiando discorso Gabriele, parliamo del WTCR. Con una Hyundai competitiva e tu li sempre pronto a lottare per la vittoria?

” Beh è una doppia soddisfazione perchè la macchina l’ho sviluppata durante lo scorso anno, ed è stato un lungo lavoro, minuzioso. Ho avuto degli ingegneri e dei meccanici molto validi, il tempo a disposizione, il budget, i giusti mezzi. In pratica abbiamo avuto tutto per fare una bella macchina e ci siamo riusciti. L’auto sta andando molto forte e sta vincendo un po’ dappertutto. Sono molto orgoglioso, sia dei risultati che della macchina. Speriamo di continuare così, anche se con il BOP ci sarà da soffrire.

Onestamente ti saresti aspettato la Hyundai così competitiva sin da subito?

” Onestamente si, anche dopo i risultati visti lo scorso anno. Abbiamo dovuto ridurre la potenza della macchina, poichè era troppo potente per la categoria. Onde evitare di incorrere in zavorre, che avrebbero penalizzato l’auto in fase di frenata e in percorrenza di curva abbiamo deciso di utilizzare meno potenza sul motore per cercare di ottenere il massimo lungo tutta la stagione. “

Rimpiangi più il WTCC o preferisci di più il WTCR?

” Del WTCR mi piace quasi tutto. Mi ricorda il turismo di venti anni fa, mi ricordano le auto derivate dalla serie, molto più vicine a quelle di serie rispetto al WTCC, con quest’ultimo campionato che era diventato troppo costoso e complicato. Il WTCR è stata una bellissima idea, l’unica cosa che non mi piace (penso un po’ a tutti) è il BOP. Il BOP è una medicina inevitabile per permettere a tutti di essere competitivi. Chiaramente fa scontenti alcuni, perchè alla fine c’è solo uno che vince. ”

In bocca al lupo per il proseguo della stagione Gabriele!

” Grazie, crepi il lupo. “

Alberto Murador


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".