Alonso e l’utilità di Halo: se la ruota dei test a Barcellona l’avesse persa in gara?

Inizio sfortunato per Alonso che in tarda mattinata perde la posteriore destra della sua nuova McLaren MCL33. Episodio banale ma che fa riflettere sull’utilità del dispositivo HALO.

Fernando Alonso, la McLaren e i Test invernali di Barcellona non ci annoiamo mai. Questa volta a far uscire di pista il pilota spagnolo non è una fantomatica “folata di vento” ma un banalissimo problema tecnico destinato a diventare il fatto di giornata.

La MCL 33 a causa della rottura o del cattivo fissaggio del bullone che trattiene al mozzo la posteriore destra perde la ruota e finisce in testacoda nella sabbia. Cose che possono capitare … ma in questo caso è giusto fare una riflessione.

L’episodio testimonia l’ultilià del dispositivo HALO a protezione della testa del pilota. In caso di impatto i cavi di protezione devono impedire il distacco della ruota ma nulla la trattiene in episodi come quello avvenuto stamane.

Halo è stato introdotto per proteggere il capo del pilota da oggetti volanti causati da incidenti in pista.

In gara o in qualifica una ruota impazzita può seminare il panico tra i piloti e generare danni d’enorme entità . Così è stato per Surtees Jr. qualche anno fa in categorie minori e non è detto che in futuro non possa accadere. Fare prevenzione introducendo Halo è stato di fondamentale importanza.

La perdita di detriti da parte di vetture che subiscono violenti incidenti è la principale causa di vittime. Ricordiamo il povero Paolo Ghislimberti a Monza 2000 o l’anno seguente il collega Australiano a Melbourne .Gli incidenti  coinvolsero Barrichello, Frentzen, De La Rosa e  Coulthard a Monza e Villeneuve e Button in Australia. Solo per caso allora i detriti non colpirono i piloti.Ciò dimostra che l’imponderabile può capitare e che non si eccede mai in prudenza nel proteggere la vita umana.

La dinamica di stamane dimostra l’imprevedibilità degli eventi e l’utilità in situazioni simili del dispositivo HALO. E’ chiaro che così com’è stona moltissimo nella splendida silhouette delle vetture 2018 ma è altrettanto vero che è un imprescindibile elemento di sicurezza.

Certamente nel tempo si evolverà, discuterne è utile. Anche se è brutto rappresenta un’importante conquista in termini di sicurezza. A dover di cronaca va detto, a parere di chi scrive, come si comprterà il dispositivo in caso di ribaltamento?

Con Halo Alonso in Australia due anni fa sarebbe uscito da solo dalla sua McLaren ribaltata e disintegrata?

 


Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna