Raikkonen: un 2018 tra ambizioni iridate e Leclerc
 

 


Raikkonen: un 2018 tra ambizioni iridate e Leclerc

Fulvio Solms interviene ai microfoni di Pit Talk sulla stagione che sta per partire. Pareri e opinioni sull’ultimo anno di contratto per Raikkonen in Ferrari tra motivazioni iridate e la pressione di un futuro chiamato Leclerc.

Il giornalista de Il Corriere dello Sport è intervenuto in studio durante la trasmissione Pit Talk per analizzare i temi di una F1 che tra un mese circa presenterà le sue monoposto.

Tra gli argomenti trattati quello di Kimi Raikkonen. Il pilota finlandese col contratto in scadenza correrà forse nel 2018 la sua ultima stagione in Ferrari. Carico come non mai ha dichiarato di puntare al titolo mondiale, ma chi tra i top driver non lo dice a gennaio…A riguardo Solms dice:

“Sono convinto che Raikkonen partirà col piede giusto, molto conterà da progetto. Se la macchina sarà adatta alle sue caratteristiche di guida lui sicuramente farà un gran campionato. E’ un vecchio pilota ma non un pilota vecchio.” F.S.

Il limite di Raikkonen è il rendimento altalenante. Per citare Briatore, uno che a volte entra a gamba tesa ma che di F1 ne sà perché ha vinto tutto , “Raikkonen non è una garanzia se con lui la Ferrari vuole puntare al titolo costruttori”. Se nel 2017 è vero che Raikkonen ha fatto la miglior stagione da quando è ritornato in Ferrari non si può negare che raramente abbia tolto punti alla Mercedes per aiutare Vettel o la squadra nel campionato costruttori. ( Esclusi Monaco e Budapest).

Paragonando i numeri la sua stagione è stata indiscutibilmente inferiore a quella di Bottas.

Come si sà Marchionne vorrebbe portare in Ferrari un giovane del progetto FDA. Per questo se Raikkonen disputerà l’ultima stagione in F1 (?) il futuro pilota potrebbe essere Leclerc. Relativamente al piglio con cui Raikkonen inizierà il campionato sapendo tutto ciò, Solms afferma che:

“Nella testa dei piloti non ci siamo e spesso non ci stanno nemmeno loro…Raikkonen parte con lo spirito che anima ogni pilota, vincere il mondiale. Lo stimolo di Leclerc vale fino ad un certo punto. Raikkonen non deve dimostrare di dover restare in Formula1”.F.S

In effetti Iceman non ha nulla da perdere. Sa di essere a fine carriera e sa qual è l’apporto che la Scuderia Ferrari si aspetta da lui. Fa parte della famiglia Ferrari da tantissimo tempo ed è consapevole che secondo i piani sarà un giovane della FDA a prendere il suo posto. Quando… dipenderà da lui e da come Leclerc si comporterà sulla Sauber Alfa Romeo.

Di certo la costanza di rendimento è ciò che Kimi dovrà garantire alla Ferrari. Per aiutare Vettel nella sfida con Hamilton, per essere utile nel campionato costruttori. Congedarsi da Maranello con onore è la mission obbligata per uno che ha saputo presentarsi in rosso vincendo al primo colpo senza patire un sedile rovente come quello che fù di un certo Michael Schumacher.

Anche per questa sua freddezza Iceman al di là dei risultati è e sarà uno dei driver Ferrari più amati dalla gente.

 

 


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento