Pirelli, sono in arrivo novità importanti per la stagione 2018

La Pirelli domani annuncerà la nuova mescola per la stagione 2018 ma le novità non finiscono qui.

di Giulio Scaccia

La novità più importante è la nuova mescola, la Hypersoft con banda rosa, che andrà a posizionarsi al culmine della gamma, sopra la Ultrasoft bordata di porpora. Domani la Pirelli in conferenza stampa annuncerà questa novità e non solo questa. Durante la stagione 2017, si è assistito ad una usura limitata delle gomme e proprio per questo, come ha dichiarato oggi Mario Isola in una intervista esclusiva ad Autosprint, che tutte le mescole saranno spostate verso il morbido, con l’obiettivo di avere un maggiore degrado termico.

Durante la stagione infatti si è assistitio a due fattori che hanno portato la Pirelli ad intervenire:

Il primo ha riguardato il basso degrado delle coperture. La scelta conservativa è stata dovuta al nuovo regolamento, che si preannunciava più severo per gli sforzi a cui le gomme sarebbero state sollecitate. Fatto sta che spesso si è assistito ad un basso degrado ed a coperture che duravano oltre il previsto.

Il secondo è stato un aspetto che Isola ha rimarcato nell’intervista ad Autosprint: Le mescole più dure sono state usate poco, i team abitualmente hanno sfruttato due delle tre mescole a disposizione, snobbando le più dure.

In quest’ottica le scelte Pirelli: maggiore scelta negli pneumatici, ad esempio la Hypersoft sarà l’ideale su piste a bassa usura come Montecarlo e Sochi.

La sfida è lanciata. Le gomme si preannuncian ancora un fattore determinante per la stagione 2018: chi riuscirà a sfruttare al meglio la finestra di utilizzo sia in prova che in gara, avrà vantaggi notevoli. L’aumentato degrado e la scelta più ampia porterà sicuramente a nuove opzioni per le strategie in pista.

Il circuito di Yas Marina, darà subito indicazioni importanti sia alla casa costruttice, che ai team. Prove da seguire con attenzione.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.

Lascia un commento