Brasile: a Interlagos una Mercedes non sazia

E’ un Lewis Hamilton che non si ferma, che pare aver tutt’altro che esaurito la sua fame di successo quello che si è presentato al venerdi di Interlagos, prima giornata del weekend brasiliano, penultima prova del mondiale 2017.

Media preview

Con i due titoli mondiali ormai già assegnati, la Mercedes si concentra nel cercare la doppietta anche nel campionato piloti per cui nel box del team di Stoccarda son state prove libere tutt’altro che tranquille. La W08 è apparsa stabile, ottimamente bilanciata, forse anche meglio di quel che si pensava alla vigilia del weekend del Brasile. Proprio il neo tetracampione del mondo ha portato la sua vettura in cima alla lista dei tempi di entrambe le sessioni, confermando uno stato di forma ottimale sia sul giro singolo – e questa non è una novità! – oltre che sul passo gara. Da segnalare che la prestazione dell’anglo-caraibico nella prima sessione – ha girato in 1’09″202 – ha portato alla caduta del vecchio record della pista brasiliana che resisteva dal 2004 ed erano appannaggio di Rubens Barrichello e della Ferrari.

Media preview

La Ferrari non è lontana. Per Sebastian Vettel è stato un venerdì tranquillo, a parte un piccolo errore veniale nella prima sessione che non ha, comunque, portato conseguenze. Il tedesco della Ferrari alla fine della seconda sessione si è mostrato tranquillo e concentrato sull’obiettivo di portare la piazza d’onore a Maranello. Per lui un venerdì positivo. Prove libere nominali anche quelle di Kimi Raikkonen nonostante, in linea generale, sia stato costantemente dietro al compagno di squadra nell’ordine dei 2/3 decimi in media, sia sul passo gara che sulla simulazione di qualifica.

Media preview

Tuttavia, se si legge la classifica, è la Red Bull di Daniel Ricciardo ad essere il primo pensiero della Mercedes, almeno nella giornata del venerdì delle libere. Nonostante la penalità dell’australiano (arretrerà di dieci posizioni in griglia a causa della sostituzione della componente endotermica della power unit) la Red Bull si è mostrata si, sufficientemente competitiva, ma un apparentemente non come ce la si aspettava alla vigilia, e cioè in grado di tenere addirittura testa alla Mercedes, data la sua curva prestazione in ascesa in questi ultimi appuntamenti mondiali. A conferma di ciò le parole di Ricciardo che indicano la Mercedes come favorita a meno che non arrivi la pioggia. Max Verstappen, finora, sempre indietro al compagno di squadra.

Le qualifiche scatteranno domani quando in Italia saranno le ore 17:00.