Ferrari, la furia di Marchionne: “Componentistica non a livello”

Il presidente della Ferrari Sergio Marchionne parla dopo la doppia delusione di Singapore e Sepang. Potevamo vincere, il team è giovane, la qualità di alcuni componenti non è all’altezza. Stiamo intervenendo.

Sergio Marchionne non nasconde la delusione dopo la doppia disfatta di Singapore e Sepang. Da Trento, dove ha ricevuto una laurea honoris causa, il presidente non le manda a dire toccando tutti i punti che secondo lui hanno portato a questa doppia sconfitta.

“Potevano vincere, rompono figure cosi” . Qui ha ragione Marchionne, il livello della vettura è alto ma nelle ultime due gare il potenziale espresso dalla macchina non si è tradotto nel risultato atteso.

Il motivo va cercato in una forsennata rincorsa allo sviluppo che ha fisiologicamente abbassato il livello dell’affidabilità. Va ricordato che a Singapore era stata una collisione a metter ko le Ferrari. Sepang invece rappresenta una doppia rottura, episodio grave ma inedito.

“Team giovane, componentistica non all’altezza”. Dopo il ribaltone della scorsa stagione la Ferrari ha promosso le seconde linee. Fin qui era andata bene con un gruppo di lavoro capace dopo un’annata pessima di far tornare subito la Ferrari in lotta per il campionato. Giusta invece la critica ai componenti. “evidentemente la qualità dei componenti non è adeguata ad un auto da gara” ma anche qui bisogna fare dei distinguo. Sviluppo accelerato o mancanza di controllo qualità? Problema strutturale o difetto di componenti forniti da esterni?

“Stiamo intervenendo” . Rivedere tutta la filiera di azioni che porta il singolo pezzo ai GP è l’unica cosa che la Ferrari può fare per trovare l’anello debole.

“Vedere una macchina seconda nemmeno in griglia è davvero da tirarsi i capelli”

Parole pesanti che preannunciano decisioni nell’organico e che di certo non rasserenano un ambiente già eccessivamente sotto pressione. Da qui alla fine per la Ferrari saranno tutte finali. Poi qualche decisione arriverà. La Ferrari è attesa a ribaltare immediatamente da Suzuka la situazione. Arrivabene sulla graticola?


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento