F1 | Team Mercedes, più forti grazie a Bottas.

Bottas eredita in Mercedes il sedile Campione del Mondo Rosberg. Ad un primo sguardo il team sembrerebbe indebolito. Però quella di puntare tutto su Hamilton con Bottas scudiero, per Mercedes, potrebbe rivelarsi la scelta vincente.

Diciamolo chiaramente. Aver perso il Campione del Mondo Nico Rosberg dopo Abu Dhabi per il team Mercedes non è stato semplice. L’evolversi della situazione ha portato a sedersi sul sedile più ambito del Circus il finlandese Vlatteri Bottas.

Bottas, pilota gestito da Toto Wolff, potrebbe rivelarsi nella stagione una mossa vincente. Augurando il meglio a Bottas, non possiamo di certo paragonarlo al tre volte Campione Lewis Hamilton che a questo punto andrà ad assumere all’interno del team un ruolo di Leader assoluto.

Le ultime stagioni per la squadra sono state trionfali ma anche difficili nel dover gestire un dualismo così crudo come quello che ha opposto Hamilton e Rosberg.

Da un punto di vista tecnico la Mercedes se lo poteva permettere, le sue monoposto avevano un vantaggio tale sugli avversari da poter permettere la lotta interna. Non sono mancati episodi sorprendenti, dal contatto di Barcellona a quello in Austria. Le Mercedes magari scornandosi hanno perso una gara ma mai la leadership del campionato.

Ora però le cose potrebbero essere diverse. I test di Barcellona hanno mostrato una Mercedes forte ma non così lontana da Ferrari e Red Bull. Questo scenario fa capire come una lotta interna oggi sarebbe letale. La squadra sicuramente potrà puntare più su Hamilton ed utilizzare Bottas come scudiero a difesa del britannico.

Sia in Ferrari che in Red Bull questi ruoli non saranno così ben definiti, ecco perché se come sembra le monoposto saranno più vicine tra loro la gestione della strategie di gara a favore di Hamilton potrebbe far capitalizzare con intelligenza più punti sugli avversari.

 

 


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Lascia un commento