F1 | Ross Brawn contro DRS e ibrido
 

 


F1 | Ross Brawn contro DRS e ibrido

Come non ricordare i successi di Ross Brawn in Williams, in Benetton con il primo Schumacher, poi in Ferrari, sempre con il grande Schumy, per poi passare alla BrawnGP (ex Honda) e vincere con Button e non da ultima la rifondazione di un team come la Mercedes. 

Un percorso stravincente che certo fa ben sperare coloro che si augurano di poter vedere Ross portare nuovamente ai fasti di un tempo la nostra amata Formula 1.

Certo il pluridecorato Brawn arriva ai vertici gestionali della F1 in un momento tra l’altro che i cambi regolamentari della prossima stagione 2017 sia tecnici che sportivi sono stati decisi da altri e non è possibile ovviamente intervenire immediatamente su tali cambiamenti. Bisognerà quindi dargli del tempo, non facciamoci illusioni nessuno in questa sport ha la bacchetta magica, tanto meno quando a regnare sono interessi plurimiliardari di colossi automobilistici come Mercedes e Ferrari ed imperi economici delle bibite come Red Bull.

Le sensazioni positive ci sono e diciamo pure che i primi punti evidenziati dalla Liberty Media ci fanno ben sperare. Come vi avemamo gia anticipato qui: http://www.f1sport.it/2017/01/f1-drs-primo-indiziato-per-eliminazione-dai-gp/ il desiderio di rimuovere il DRS dalle monoposto di F1 di certo ci fa tirare un sospiro di sollievo. Da molti questo artificio è stato sempre visto con diffidenza poichè metteva ad armi impari i duellanti in pista. Se a questo desiderio ci mettiamo anche quanto detto in passato da Ross Brawn che auspicava un abbandono e quantomeno un ridimensionamento dell’ibrido, allora insomma possiamo timidamente cominciare a dire che le speranze e le previsioni possono essere concretamente positive.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

6 thoughts on “F1 | Ross Brawn contro DRS e ibrido

  • 01/02/2017 at 13:13
    Permalink

    ma perchè non danno la possibilità a chi vuole di partecipare con monoposto elettrica e chi non vuole usa un motore tradizionale? … eheheh cosi almeno sarà evidente l’inferiorita dei motori a combustione rispetto a uno elettrico … ma F1 non dovrebbe essere l’apice della tecnologia? …. forse 50 anni fa … ora è solo l’apice del giro d’affari ormai

      • 02/02/2017 at 10:10
        Permalink

        non sul posto … video … perchè? … dici che vanno più piano? … puo anche essere … ovviamente bisogna fare un confronto con le risorse messe a disposizione di una FE rispetto a una F1 per avere la giusta misura del confronto. Ti ricordo che a parità di potenza, il motore elettrico è 2 volte piu performante delmiglior motore a combustione oggi prodotto, aggiungi la capacità finanziaria di una F1 ed elimini anche i compromessi che una vettura di FE è costretta ad avere principalmente dovuti ai costi/sviluppo della batteria. Poi ovviamente non ti sto a dire che lo sviluppo delle batterie e anche dei motori elettrici ad alte prestazioni sono agli albori quindi il confronto con il motore a combustione …. a essere buoni … è inclemente …. per quanto riguarda il sound …. hai tutto il mio sostegno hai ragione …. anche se devo dire che quando spingi una macchina elettrica ad alte prestazioni il suono ricorda molto il suono del bi-turbo … sembra un’astronave … non so se hai mai provato .. io si … e spettacolare. Se sai cose Tesla .. ecco io ho provato la versione performante 2.8 secondi 0 – 100 …. ovviamente è limitata per via delle batterie … pero sai macchina da 120.000 € che tranquillamente compete con macchine da 1.200.000 in su. Come vedi il confronto è inclemete. Non sei convinto? … basta informarsi … o piu semplicemente guarda qualche video su youtube e rimarrai a bocca aperta … ma io ti consiglio prova una tesla, schiaccia l’acceleratore e poi dimmi cosa senti.

        • 02/02/2017 at 19:36
          Permalink

          tutto quello che vuoi, pero’ come ora non si puo’ paragonare la F1 con la Fe. A me comunque il suono mi sembra piu’ un fischio. mi tornano in mente i filobus della mia citta’ che (sostituiti con i diesel o turbodiesel) per i tragitti cittadini continui avevano i famosi tender per la motricita’ collegati ai fili della corrente postati sui fabbricati. forse tra trenta anni avremmo una batteria unica con ricarica rapida, chissa! so cosa e’ la tesla, ma ti garantisco che come ora preferisco una f12 tdf (per esempio) anche se la tesla costa meta’, casomai la useremo per blade runner 2049. ora come ora sinceramente ste pseudoelettriche le trovo un po’ demagogiche….costi batterie, smaltimento, pesi etc etc e poco emozionanti.

          • 03/02/2017 at 12:49
            Permalink

            bhe come gia detto ti confermo condivisione 100% sul sound …. Pero di devo anche contraddire 100% sulle tue previsioni e tempi di sviluppo delle batterie. Si parla di tecnologia che sta per diventare di massa, come puo essere il cellulare, il PC e come è avvenuto negli ultimi anni ai televisori. Ti faccio presente che negli ultimi 5 anni le batterie sono diventati il doppio performanti e costano piu della meta in meno.
            Un esempio la Model 3 della tesla che uscira per fine quest’anno la batteria sara il 20% piu capiente, piu rapida in ricarica e il 30% meno costosa. Tra 5 / 10 anni le macchine elettriche saranno molto piu diffuse raggiungendo a livello globale percentuali considerevoli del mercato. Previsioni? no … dati … soltanto la cina da solo ha investito sulla mobilità elettrica capitali da far impallidire europa e america insieme.
            Comunque senza divagare troppo, come ho ben specificato, se prendi una vetture elettrica la sviluppi avendo il budget a disposizione di una F1 … non è convinzione … sono i dati che lo dicono … dopo un anno di sviluppo le attuali F1 a combustione arrancherebbero per stargli dietro. Potresti rispondermi vedere per credere … ok … vai a vedere cosa sta succedendo a Le Mans dove “L’IBRIDO” è sempre piu elettrico e chi non ha l’elettrico NON vince. e comunque ripeto è la scienza che dice che il povero motore a scoppio, cosi come concepito, non è in grado di tenere testa ad un motore elettrico che ad oggi ha appena cominciato il suo percorso di sviluppo per alte prestazioni. Il motore a scoppio è in vita solo grazie ad interessi business e lobby … al di la dei gusti e del piacere si puo proprio dire che è letteralmente tecnologia di un altro millennio, arcaica che si rifa ancora all’utilizzo da parte dell’uomo del fuoco … a pensarci fa veramente effetto. Migliaia di anni e l’umo ancora basa la sua tecnologia in gra parte sull’utilizzo della combustione in tantissimi campi.

  • Pingback: Donnini a PitTalk si dice fiducioso su Liberty Media

Lascia un commento