Ferrari una sconfitta pre-Mondiale 2017

Noi di F1Sport.it eravamo stati molto critichi riguardo la lettera di richiesta di chiarimenti inviata da Simone Resta alla FIA sulle presunte sospensioni “intelligenti” di Red Bull e Mercedes.

Posizione e parere e spesso anche più volte durante il nostro programma radiofonico PitTalk. Più volte abbiamo ripetuto come fosse ancora tutto da dimostrare che le sospensioni chiamate in causa abbiano effettivamente un comportamento intelligente (simile a quelle attive). Eravamo stati anche ironici e provocatori riguardo la richiesta di Resta http://www.f1sport.it/2017/01/f1-mondiale-2017-e-le-scoperte-ferrari/ ma avevamo, a quanto pare, ragione da vendere…

Da quanto emerso infatti dopo l’ultimo Technical Regulation Meeting di Ginevra infatti si è tornati nuovamente a ribadire un concetto già “strachiaro” a tutti, almeno pensavamo. Quello per cui le sospensioni debbano avere solo un impatto sulla meccanica della vettura e non solo sull’aerodinamica. Tralasciando che qualunque tipo di sospensione avendo un impatto sulla meccanica, di fatto, lo ha anche sulla aerodinamica, questo non fa altro che confermare la tesi che portavamo avanti, ovvero quella che: l’illegalità e gli effetti diretti sull’aerodinamica delle sospensioni Red Bull e Mercedes è tutta da provare. 

La FIA ovviamente ha ripetuto che se ci sarà anche solo qualche sospetto queste verranno dichiarate illegali. Quindi tanto per confermare che al momento nulla è stato dichiarato illegale e nulla ha sollevato sospetti quindi, contrariamente invece a quanto riportato in Italia da molti pseudo-organi di stampa. 

Una sconfitta per la Ferrari che getta ancora dubbi e preoccupazione riguardo quanto si potrà ottenere durante la prossima stagione iridata.


Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato