F1 | Mercedes e Rosberg, campioni iridati senza Gran Premio

La stagione 2016 di Formula 1 si è conclusa con il successo Mondiale nel Costruttori da parte di Mercedes (incamerato a Suzuka) e il titolo Piloti di Nico Rosberg nel capitolo finale di Abu Dhabi. Un trionfo tutto tedesco, insomma. Eppure, nel 2017, il Gran Premio di Germania non ci sarà. Specchio di tempi senza identità e privi di buon senso logico, piegati in ginocchio al volere del dio denaro.

Di Alessandro Bucci

C’era una volta la Formula 1 fatta di storia, tradizione e caloroso pubblico smanioso di riversarsi sugli spalti degli autodromi più rappresentativi ed importanti del mondo, per tributare passione agli eroi del volante. Tempi che sembrano lontanissimi, tremendamente opachi, eppure così vivi, dinanzi al freddo e insensato spettacolo odierno che sembra avanzare come un treno impazzito senza macchinista diretto contro un muro.
Come detto in apertura, ci ritroviamo con i protagonisti iridati teutonici orfani del Gran Premio di casa, situazione peraltro già verificatasi nel 2015.

Eloquenti le parole che Gian Paolo Dallara rilasciò nel marzo di quest’anno per la rivista Premium IN Magazine:

“Stiamo attraversando un momento di disaffezione dove qualcosa non funziona. Se penso che lo scorso anno in Germania con la Mercedes vettura di vertice in testa al Mondiale e con Rosberg pilota tedesco in lotta per il titolo non c’era più il GP di Germania, quando penso ad esempio che non c’è più il GP di Francia, una delle nazioni dov’è nato il Motorsport, concludo che c’è qualcosa che non funziona più, qualcosa che sfugge e che andrebbe inventato”.

E quindi, per un appuntamento che entra in calendario (abbiamo pocanzi pubblicato un approfondimento sul clamoroso ritorno del GP di Francia) ce n’è uno che rischia seriamente di uscire definitivamente dal calendario. Proprio negli ultimi giorni, infatti, è arrivata la conferma da parte del Consiglio mondiale della FIA circa l’approvazione del calendario 2017, orfano della corsa di Hockenheim a causa di problemi finanziari.

cbr133-spielberg-austria-02-07-2016-mercedes-amg-f1-director-of-motorsport-toto-wolff-leaves-the-team-garage-during-the-third-practice-session-at-the-2016-formula-one-grand-prix-of-austria-in-spielberg-austria-02-july-2016-the-2016-formula-one-grand-prix-of-austria-will-take-place-on-03-july-2016-efe-epa-christian-bruna.jpg (654×372)

Toto Wolff, team principal Mercedes, pochi giorni prima della notizia della fuoriuscita della corsa tedesca dal Mondiale aveva dichiarato che perdere il Gran Premio di Germania sarebbe stato un vero peccato per la massima serie, offrendo sostegno economico da parte del team di Stoccarda.

Wolff, visibilmente dispiaciuto per l’attuale situazione, ha ricordato l’importanza dei piloti tedeschi attualmente presenti nel Circus, in particolare i Campioni Nico Rosberg e Sebastian Vettel, senza dimenticare ovviamente la Storia scritta da Michael Schumacher in quasi due decadi di corse.

Con il Nurburgring e Hockenheim fuori gioco, due dei più importanti circuiti a livello storico per l’intero Motorsport, il Gran Premio di Germania rischia seriamente di diventare un lontano ricordo come la corsa francese. E se mancano i soldi, ovviamente, è anche colpa del forte calo di ascolti e della disaffezione sempre più crescente del pubblico nei confronti di uno sport imprigionato in mille regolette assurde e molto spesso incapace di regalare emozioni.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Bucci

Giornalista, addetto stampa e social media, collaboro con le testate Autosprint, Italiaracing.net, Ravennanotizie.it e In Magazine, oltre al portale web F1Sport.it e con la 100 km del Passatore. L'automobilismo è sempre stata una delle mie più grandi passioni, che coltivo sin dalla tenera età.

Lascia un commento