F1 | Ferrari pronta a rivoluzionare la power unit

Stando a Motorsport.com, la Scuderia Ferrari starebbe preparando una power unit del tutto rivista per la prossima stagione.

Come riporta la testata internazionale, la Ferrari si sta preparando al 2017 su tutti i fronti possibili, compreso il propulsore.

La stagione 2016 è stata molto deludente per le Rosse, che si aspettavano di agganciare la Mercedes e lottare per i titoli, ma non hanno fatto i conti con l’enorme divario a disposizione dei tedeschi, che infatti hanno dominato anche l’ultima stagione. Questa aspettativa ha spinto la Ferrari a spingersi ben oltre i limiti, soprattutto della power unit, e questo ha determinato problemi di affidabilità che, di fatto, hanno contribuito a relegare la Ferrari alle posizioni di rincalzo. Non solo: inizialmente a Maranello pensavano di agganciare la power unit Mercedes a Monza, mentre le Frecce d’Argento hanno schierato un propulsore che ha sfiorato i 1000 cavalli in qualifica!

Il Cavallino ha puntato alla vetta spingendo molto sulla pressione del turbo e dell’alimentazione in camera di combustione. Sul primo fronte, si è arrivati a pressione del turbocompressore di 5 bar – mentre la power unit Ferrari 2015 non superava i 3,5 bar – e questo ha in buona parte causato i problemi tecnici. Ora il reparto motori, presieduto da Lorenzo Sassi, starebbe progettando una power unit 2017 più vicina a quella 2015, quindi con pressione di sovralimentazione ridotta. Questo dovrebbe consentire una migliore efficienza non solo del turbocompressore, ma anche dell’ERS, che nel 2016 non rendeva al meglio a causa dei problemi alla sovralimentazione.

La Ferrari cercherà anche una migliore efficienza in camera di combustione, migliorando il sistema di pre-combustione progettato dalla Mahle. L’obiettivo, della Ferrari e non solo, è arrivare all’autocombustione della miscela, similmente a come avviene nei motori diesel, e rendere perciò inutile l’uso della candela.

Bisogna inoltre considerare che nel 2017 non ci saranno i gettoni, e sarà quindi possibile sviluppare la power unit liberamente nel corso della stagione, pur nei limiti delle 4 unità consentite.

Chi scrive si augura che questi sviluppi possano aiutare la Ferrari a risalire la china. La Ferrari sa progettare ottimi motori, e in combinazione con un telaio più efficiente, potrebbe presentarsi con un pacchetto più competitivo di quello visto quest’anno.


Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka... Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un'emozione, sull'onda della velocità.