F1 | Rosberg e il mondiale, tra profezie e scaramanzia

Nico Rosberg dopo il Gran Premio del Giappone ha 33 punti di vantaggio su Lewis Hamilton. Mondiale assegnato? E’ ancora presto al di là di quanto si dica. I punti in palio sono ancora tanti.

di Giulio Scaccia

Il tedesco della Mercedes ha sfatato un altro tabù e, dopo SPA, Monza e Singapore, ha vinto anche a Suzuka. Rosberg sta guidando in maniera splendida e viene anche a trovarsi in situazioni a lui congeniali: nessun avversario scomodo vicino, nessun corpo a corpo da affrontare e un Lewis Hamilton che dopo la pausa estiva non è più quel martello che conosciamo. Anzi. Inanella errori, soprattutto in partenza. La qualità dell’anglocaraibico è indiscussa e il talento superiore a quello di Nico Rosberg. Ma se si inanellano errori e disattenzioni il mondiale finisce per scappare via.

Mancano quattro gare alla fine: USA; Messico, Brasile ed Abu Dhabi. Ancora tanti punti in palio. Nonostante tutto arriva la profezia/pronostico di Niki Lauda, molto netta tra l’altro:

Nico ha fatto un lavoro perfetto dando vita a un fine settimana fantastico. Senza particolari inconvenienti, Rosberg dovrebbe vincere il titolo al termine della stagione. Se Rosberg non dovesse avere nessun problema tecnico, Lewis non sarebbe in grado di ricucire l’attuale gap in classifica iridata.

rosberg_mercedesNon sappiamo quanto Nico sia scaramantico. Sicuramente giocare a carte con Stella Bruno sembra portargli bene.

Al di là delle battute, ora va fatta una valutazione: da questo momento Nico Rosberg ha tutto da perdere, Hamilton potrebbe sentirsi più libero.

Il tedesco della Mercedes non ha mai amato troppo la pressione addosso, anche se poi quest’anno sembra davvero in stato di grazia.

Vedremo da Austin se il distacco tra i due sarà ancora più ampio o si accorcerà. In tutto questo la Mercedes festeggia il terzo titolo costruttori consecutivo. E un dominio assoluto.


Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.