F1 | GP Singapore: Ferrari piloti al top, muretto flop - Pagina 2 di 2
 

 


F1 | GP Singapore: Ferrari piloti al top, muretto flop

Questa prestazione, definiamola gagliarda, vale più del contentino di un terzo posto. Vettel ha sorpassato chiunque dovunque dimostrando che se si vuole si può sorpassare anche a Singapore. Si è visto anche che fatica faceva a guidare. In trazione persino la Sauber sembrava scodare meno del cavallino imbizzarrito e affannato nelle retrovie.

start-rosberg-ricciardo-singapore-2016

Vettel è comunque risalito nei punti chiudendo quinto, Raikkonen ha duellato con una Mercedes. Peccato per la rottura di ieri sulla monoposto di Vettel altrimenti oggi le rosse potevano dare del filo da torcere a tutti. Raikkonen probabilmente ha perso il podio in quanto il muretto ha ritardato di un giro il suo secondo pit. Hamilton con le gomme fresche ha ripreso quello spazio utile a star davanti alla rossa numero 7 che non è più riuscita a insidiarlo.

Di Singapore la Ferrari ricorderà una buona prova purtroppo però fine a se stessa. La lotta con Red Bull non vede recuperi sostanziali e la mancanza di affidabilità sulla macchina è una costante che già sappiamo peserà troppo nel bilancio di fine stagione.

Oggi la Ferrari ha corso come i tifosi vorrebbero, lottando. Purtroppo ha perso.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alessandro Francese

Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

One thought on “F1 | GP Singapore: Ferrari piloti al top, muretto flop

  • 18/09/2016 at 22:02
    Permalink

    Forse mi sbaglio ma Hamilton è entrato nello stesso giro in cui ha subito il sorpasso da Kimi.
    Me lo confermate?
    Se così però è difficile entrare subito… Piuttosto bravi in Mercedes a reagire.
    Magari forse era meglio rimanere fuori come Rosberg… Ma è sempre facile parlare dopo!

Lascia un commento