F1 | GP Belgio: Rosberg in pole, Ferrari in seconda fila

Nico Rosberg conquista la pole a Spa. Secondo Verstappen, poi Raikkonen e Vettel. 

Si conferma la superiorità della Mercedes, ma non è stata così netta come in altre occasioni, a causa dell’alto consumo delle gomme supersoft. La Red Bull si conferma la seconda forza, con Verstappen a completare la prima fila. Le Ferrari mancano ancora l’appuntamento con la prima fila e si posizionano in seconda fila, ma domani partiranno con le gomme soft. Terza fila occupata da Ricciardo e Perez. Hulkenberg, Bottas, Button e Massa completano la top ten.

Q1
 
Già annunciate le sorprese della prima fase di queste qualifiche: l’ultima fila è composta Hamilton e Alonso, che scontano penalità per aver sostituito parti della power unit. Per il resto tutto nella norma, gli eliminati sono in ordine Nasr, Ocon – al debutto con la Manor, Kvyat, Ericsson, oltre ai due piloti sopracitati. Primo tempo per Felipe Massa davanti alle due Ferrari, che bissano gli ottimi risultati della FP3.

 

ferrari_belgioQ2
 
Seconda sessione movimentata nella scelta delle gomme: la Mercedes di Rosberg, le due Ferrari, e la Red Bull di Daniel Ricciardo, fanno segnare il loro tempo con gomme soft, in modo da non dover montare le gomme supersoft al via, a causa del loro consumo elevato. Rosberg, in particolare, fa segnare 1’46″999, il miglior tempo assoluto fatto segnare a Spa nella sua nuova versione. Verstappen chiude secondo, Raikkonen quinto e Vettel soltanto nono, senza però rischiare l’accesso alla Q3. A sorpresa, anche Jenson Button accede alla fase finale delle qualifiche.

 

Q3
 

Ora non ci si nasconde più, tutti montano le supersoft, e questo permette alle Ferrari di risalire la classifica. Non sarà però sufficiente a conquistare la prima fila, obiettivo della Rossa che non si classifica fra le prime due dalla Cina. Il più veloce si conferma Nico Rosberg, che conquista la pole in 1’46″7. Secondo Verstappen in 1’46″8, terzo Raikkonen in 1’46″9. Quarto Vettel davanti alla seconda Red Bull di Ricciardo. Seguono le due Force India, la Williams di Bottas e la McLaren di Button, che riesce a mettersi dietro la seconda Williams di Massa, anche grazie a un errore del brasiliano.

In ottica gara, Rosberg ha l’occasione di recuperare punti pesanti su Hamilton, che scatterà dal fondo – o addirittura dalla pitlane. La Ferrari lotterà con la Red Bull per il podio, forte anche delle gomme soft in avvio, ma non sarà semplice vista la crescita impressionante della vettura anglo-austriaca, e del motore Renault. La tenuta delle gomme sarà un rebus, a causa delle temperature insolitamente elevate per la zona, e si prevede un minimo di due soste. Particolarmente critica la tenuta delle supersoft, che non durano più di 5 massimo 6 giri.
Di seguito la tabella dei tempi:
POS PILOTA AUTO TEMPO GAP
1 Nico Rosberg Mercedes 1m46.744s
2 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m46.893s 0.149s
3 Kimi Raikkonen Ferrari 1m46.910s 0.166s
4 Sebastian Vettel Ferrari 1m47.108s 0.364s
5 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m47.216s 0.472s
6 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m47.407s 0.663s
7 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m47.543s 0.799s
8 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m47.612s 0.868s
9 Jenson Button McLaren/Honda 1m48.114s 1.370s
10 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m48.263s 1.519s
11 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m48.316s
12 Kevin Magnussen Renault 1m48.485s
13 Jolyon Palmer Renault 1m48.888s
14 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1m49.038s
15 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1m49.320s
16 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m48.949s
17 Esteban Ocon Manor/Mercedes 1m49.050s
18 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m48.598s
19 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m49.058s
20 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m49.071s
21 Lewis Hamilton Mercedes 1m50.033s
22 Fernando Alonso McLaren/Honda

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka... Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un'emozione, sull'onda della velocità.

Lascia un commento