F1 | GP Germania, Vettel e Raikkonen indicano la strada

Il momento in casa Ferrari non è semplice. Vettel e Raikkonen serrano le fila ed indicano le priorità per il Gran Premio di Hockheneim.

di Giulio Scaccia

Una settimana burrascosa in casa Ferrari. L’addio di Allison, la promozione di Binotto, un organigramma tecnico che almeno a prima vista sembrerebbe “piatto” e senza un vero e proprio responsabile del progetto 2017. Si perché il tema forte, oltre a conservare l’attuale seconda posizione nel mondiale costruttori è la vettura del prossimo anno, che sarà progettata in base ai nuovi regolamenti. Chi sarà il padre della nuova creatura di Maranello? Uno solo o più di uno? Il futuro non è roseo.

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sono i due punti fermi. Da loro si aspettano almeno delle ottime prestazioni in pista.

Seb prova a interpretare il ruolo che fu di Michael Schumacher e prova a trasmettere serenità all’ambiente:

Mattia ha grande esperienza, conosce la squadra come le sue tasche. Ovviamente sarà diverso, però sono sicuro che non cambierà più di tanto. Noi stiamo già lavorando per la macchina dell’anno prossimo, quindi non credo che cambierà parecchio, c’è ancora molto da imparare in questa stagione. Credo che sarebbe sbagliato accantonare la stagione in corso, anche se dal prossimo anno ci sarà un approccio diverso, visto il cambiato di regole. Ma abbiamo un nutrito gruppo di persone in fabbrica che sta lavorando al nuovo progetto.

Insiste sul team e sul ruolo della dirigenza e di Maurizio Arrivabene

Si è parlato molto sulla stampa delle aspettative del nostro presidente. Innanzitutto la cosa positiva è vedere il suo coinvolgimento all’interno del team, ci spinge con tanta convinzione. Spesso è a Maranello, trascorrere parecchio tempo con noi. La direzione che abbiamo intrapreso è quella giusta, non credo che non ci sia esperienza all’interno della squadra. Anche Maurizio) è in F1 da parecchio tempo e sta facendo un ottimo lavoro.

In vista della gara Vettel spera di andare a podio in quello che è il Gran Premio di casa. Lui è nato non molto distante dalla pista ed un buon risultato aiuterebbe il morale e la classifica:

Questa pista dovrebbe essere più adatta a noi rispetto all’Hungaroring. Cercheremo di reggere il passo della Mercedes, sarebbe molto bello per me salire sul podio in casa.

Vettel molto realista, cercando di trasmettere ottimismo alla squadra. Kimi Raikkonen, forte di rinnovo contrattuale e della buona prova in Ungheria, fissa il target:

Io credo che se riusciamo a mettere insieme un buon giro e a fare del nostro meglio in qualifica, poi saremo più o meno lì davanti a giocarcela. Questo renderebbe più semplice la nostra gara e, probabilmente, potremmo sfruttare la nostra velocità.

A proposito di James Allison, a cui Kimi è molto legato dai tempi della Lotus, il commento del finlandese, come è nel suo stile è lapidario ma a modo suo lancia un messaggio:

Per quanto riguarda James Allison che ha lasciato il team, non è mio compito fare dei commenti e ad essere sinceri non voglio essere coinvolto perché ho un grande rispetto per lui.

Che Ferrari vedremo in Germania? Serve uno scossone. Vettel e Raikkonen sembrano avere le idee chiare. Loro sono il punto da cui partire. Anche nel 2017.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Giulio Scaccia

Giornalista ed appassionato, seguo la Formula 1 dal 1978. Da Gilles Villeneuve a Michael Schumacher, sempre la Ferrari nel cuore.

Lascia un commento