F1 | Marchionne moltiplica i suoi ruoli in Ferrari

Sergio Marchionne diventerà il nuovo AD della Ferrari al posto di Amedeo Felisa, con quest’ultimo che continuerà a ricoprire un ruolo da definire all’interno della casa di Maranello.

Nei prossimi giorni, come affermato dal quotidiano “Bloomberg”, Sergio Marchionne verrà nominato nuovo AD della Ferrari rimpiazzando così Amedeo Felisa, amministratore delegato della Casa di Maranello dal 2008. Ad ogni modo, Felisa resterà comunque nella famiglia Ferrari, con un semplice ruolo da consulente.

Dunque, per il manager italo-canadese un altro ruolo da ricoprire all’interno del gruppo FCA, dopo essere diventato Presidente della Ferrari nel mese di ottobre 2014. L’ufficialità della nomina di Marchionne come AD del Cavallino, dovrebbe essere annunciata nella prossima riunione dei soci Ferrari ad Amsterdam.

Una Ferrari, quindi, sempre più ai comandi dell’italo-canadese per il futuro, naturalmente sempre con il pieno appoggio da parte della famiglia Agnelli-Elkann. Oltre alla nomina di Marchionne come nuovo AD della casa di Maranello, entreranno nel consiglio d’amministrazione sia Lapo che John Elkann, oltre al Presidente di Enel Patrizia Grieco.

In attesa di essere nominato come nuovo AD Ferrari, Sergio Marchionne nel weekend raggiungerà il team di Maranello in Cina per il terzo appuntamento stagionale. La speranza è che la presenza di Marchionne ai box possa dare un’iniezione di fiducia agli uomini in rosso, anche se le apparizioni dell’italo-canadese ai box Ferrari non hanno mai portato fortuna al team del Cavallino Rampante. Scherzi a parte la Ferrari se vuole battere la Mercedes, una probabile vittoria in Cina darebbe una grande boccata d’ossigeno all’interno del team.

Alberto Murador



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento