F1 Verstappen: “I piloti non devono essere squalificati”

Verstappen della Toro Rosso ha parlato riguardo al regolamento troppo duro.

di Federico Grossi.

Max Verstappen ha impressionato tutti in questa sua prima stagione, per talento, doti tecniche, una caparbietà e una tenacia tipica dei grandi piloti. La sua tenacia, spesso unita ad un’eccessiva aggressività, lo hanno portato però ad accumulare ben 8 punti di penalizzazione nel corso della stagione, a soli 4 punti dal limite per la squalifica. E’ proprio su quest’ultimo punto che Verstappen si è focalizzato nell’intervista rilasciata ad Autosport.

Secondo il giovane talento olandese infatti, la squalifica è una pena fin troppo severa per un pilota e che potrebbe essere sostituita con una multa salata. In questo modo, secondo Verstappen, i piloti ci pensano due volte prima di effettuare un sorpasso,  per paura di contrarre una penalità, diminuendo così lo spettacolo. Questo non gioca a favore né dei tifosi, né dei piloti stessi, che in generale hanno perso quella sfrontatezza in pista che ha reso speciale invece il piccolo Max. Certo ci sono stati episodi in cui ha ecceduto in questa sua caratteristica, Monaco su tutti, ma se Verstappen è entrato nel cuore dei tifosi è proprio perchè non hai mai alzato il piede di fronte all’opportunità di sorpasso.

In un’epoca in cui ci si interroga su come migliorare lo spettacolo in questo sport, rende un più “liberi” i piloti  potrebbe essere una soluzione molto più semplice di tante altre proposte che sono state fatte in questi mesi o in questi anni (DRS su tutti, ndr). Troppo spesso abbiamo visto piloti alzare il piede in situazioni incerte per pericolo di subire una penalità, magari rendendo qualche regola più flessibile, sempre tenendo d’occhio la sicurezza, permetterebbe ai piloti di dare più spettacolo. Non a caso, un pilota che ha agito in questo modo, dopo un solo anno di F1, è entrato nei cuori dei tifosi.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Lascia un commento