F1 Aston Martin non entrerà nel 2016

L’amministratore di Aston Martin delegato dichiara che gli investimenti richiesti sono troppo elevati.

24 dicembre 2015 – All’inizio di novembre era circolata la voce che Aston Martin, noto marchio di lusso inglese, potesse dare il nome alla squadra di proprietà del tycoon indiano Vijay Mallya, e successivamente rilevare la scuderia, visti anche i problemi legali del proprietario. Nelle ultime settimane la pista si è raffreddata, fino ad arrivare alle dichiarazioni del CEO di Aston Martin, Andy Palmer, che esclude l’ingresso della casa inglese nel Circus, almeno a breve.
“Abbiamo un’idea precisa a riguardo: non abbiamo intenzione [di entrare nel Mondiale F1] , almeno per il 2016” dichiara a Laf1.es. “Non abbiamo i mezzi sufficienti da investire in F1, e il nostro interesse è di dimostrare la qualità della nostra tecnologia su auto stradali, non vedo come sia possibile su una vettura di F1”.
Leggendo fra le righe, sembra in realtà di capire che Aston Martin non possa – o addirittura non voglia – debuttare nella massima serie. Un ingresso come sponsor della Force India avrebbe senso come espansione del marchio Mercedes nel Circus – dato che la stella a tre punte detiene il marchio inglese -, ma dal punto di vista tecnico sarebbe dura per chiunque, non solo per loro. In ogni caso ci sembra impossibile che possano realizzare una loro tecnologia, proprio per via dei mezzi limitati che hanno a disposizione. Piuttosto dovrebbero ricevere un aiuto costante da Mercedes a partire dalle power unit, e al massimo rilevare il lavoro svolto da Force India.
Questa situazione dimostra come sia difficile, per chiunque sia fuori dalla F1, entrare a far parte di questo mondo fin troppo esclusivo – si veda il caso Honda -, e ciò allontana possibili nuovi competitor che alzerebbero il tasso tecnico e spettacolare della categoria, e per via di queste difficoltà decidono di investire in campionati più accessibili come FE e WEC. Per evitare che la F1 si chiuda in se stessa, è necessario ripensare la formula in modo da renderla più appetibile e competitiva.