F1 Arrivabene, Vettel e l'eredità Ferrari
 

 


F1 Arrivabene, Vettel e l’eredità Ferrari

18 novembre 2015 – Il Team Principal della Scuderia Ferrari, Maurizio Arrivabene, ha rilasciato in un’intervista alcuni retroscena sui primi tempi di Sebastian Vettel in Ferrari. Come riporta Motorsport.com, il quattro volte campione del mondo non ha fatto pesare questo suo status, anzi si è presentato alla squadra “come una persona normale”, e ha cercato di dare “un apporto personale”, rivelandosi ostinato su alcuni dettagli.
Ma non appena ha cominciato a comprendere in che scuderia si trovasse, ha cominciato a comprendere la storia della Ferrari e la grandezza del team, e il suo atteggiamento si è ammorbidito, cosa che lo ha aiutato ad integrarsi meglio nella realtà di Maranello.
Vettel_Budapest_Ungheria_2015Lo stesso Arrivabene ha dichiarato che, all’inizio, avrebbe voluto apportare qualcosa di originale, ma anche lui, non appena è venuto a contatto con la grandezza della storia del Cavallino, non ha fatto altro che ‘chinare la testa’ e proseguire nel solco della scuderia.
Le parole di Arrivabene dimostrano che se la Ferrari, anche all’estero, è conosciuta come ‘la Scuderia’ con la S maiuscola, qualcosa di vero c’è. La Ferrari è una delle poche aziende a livello mondiale, se non l’unica nel suo settore, che riesce a mettere d’accordo tutti. Attorno al cavallino rampante aleggia un alone quasi magico, fatto di eroi e passione, a cui nessuno, se vi ha contatto, sa resistere. Se ce ne fosse bisogno lo dimostra anche il gesto con cui Vettel ha mostrato il suo casco sul podio di Interlagos: vi è rappresentata la storia Ferrari, come un enorme affresco compresso in un fazzoletto di pochi centimetri. Questo pilota, e il suo team manager, hanno compreso fino in fondo la grandezza del mito ed è ormai connaturato in loro. Ed è una garanzia sull’immediato futuro Ferrari.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Marco Bottamini

Seguo la F1 dal 2000, GP di Suzuka... Da allora, il mio amore per la regina del motorsport è diventato indissolubile. Ogni domenica è un rito, un brivido, un'emozione, sull'onda della velocità.

One thought on “F1 Arrivabene, Vettel e l’eredità Ferrari

Lascia un commento