F1 Ad Abu Dhabi l'importante annuncio della Renault
 

 


F1 Ad Abu Dhabi l’importante annuncio della Renault

19 Novembre 2015 – Sarà molto probabilmente Abu Dhabi lo scenario dell’annuncio ufficiale del ritorno della Renault in F1.

Di Alberto Murador

La telenovela tra la Lotus e la Renault, dopo mesi di continue trattative, sembrerebbe essere in dirittura d’arrivo. L’amministratore delegato di Renault F1, Cyril Abiteboul, sostiene che i negoziati tra le due parti sono nella fasi finali ed in vista dell’approvazione del CEO della casa francese Carlos Ghosn.

Abiteboul ha comunque precisato a Motorsport.com che la trattativa non è ancora stata conclusa tra le due parti per i ben noti problemi finanziari della scuderia Lotus e nonostante le buone chance di ufficializzazione in tempi brevi, senza l’approvazione finale da parte di Ghosn l’operazione non si farà. Lo scopo è quello di presentare al grande capo del motorista francese un piano valido per poterlo convincere a dare l’ok definitivo per il ritorno ufficiale del costruttore francese in F1.

La Renault essendo un’azienda automobilistica famosa in tutto il mondo starebbe valutando se il ritorno come costruttore in F1 le potrebbe giovare in termini commerciali, considerando le cospicue risorse economiche che dovrebbe investire nel circus per tornare ad essere competitivi.

Ad ogni modo non c’è il solo Abiteboul ad essere ottimista. Indiscrezioni provenienti dal paddock parlano già di un’operazione già conclusa da diverso tempo. Renault è attesa da molti in F1 a “vendicare” gli ultimi due anni a dir poco disastrosi: i francesi hanno sia l’esperienza sia le risorse economiche necessarie per tornare ad essere protagonisti nella massima categoria proprio come accadde una decade fa.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".

Lascia un commento