F1 | Ancora novità circuiti: Ecclestone rivuole il Sudafrica

21 Gennaio 2015 – Secondo Sport Press Association, Bernie Ecclestone è deciso nel riportare la F1 a correre in Sudafrica dal 2016; è dal lontano 1993 che la gara africana non si svolge nel mondiale di F1.

ecclestone1Bernie Ecclestone ha confermato che nel mese scorso è andato in Sudafrica per “negoziare” un possibile ritorno dell’appuntamento sudafricano nel mondiale di F1. L’ultima edizione del GP del Sudafrica venne disputata nel 1993 sul circuito di Kyalami. Attualmente l’Africa è l’unico Continente nel mondo, a non vedere neanche uno degli appuntamenti iridati nel corso di una stagione. Sicuramente un eventuale ritorno in Sudafrica, rappresenterebbe un risultato storico per il continente economico, sia in ambito economico che sociale.

Attualmente Ecclestone sarebbe in fase avanzata nel definire i termini economici per un eventuale ritorno in pianta stabile della corsa dal 2016, lo stesso Ecclestone all’agenzia “Sport Press Association” ha espresso così la sua posizione in merito:

Ho cercato di riportare la F1 da tanto tempo, ed ora abbiamo una buona possibilità per riuscirci. Speriamo di riuscirci per il 2016, torneò in Sudafrica sperando di raggiungere un accordo con le istituzioni del Paese, sono ottimista per gli sviluppi futuri.

La gara stando alle dichiarazioni di Ecclestone, si dovrebbe disputare in un circuito nei pressi di Città del Capo. In precedenza la gara sudafricana si tenne ad East London nel 1962, 1963 e nel 1965, prima di trasferirsi a Kyalami a circa 30 km da Johannesburg dal 1967 al 1980, dal 1982 al 1985, per poi tornare nel biennio del 1992-1993.

Con l’eventuale ritorno del gp di Sudafrica per il 2016, e con l’ingresso (già annunciato) dell’Azerbaijan, il mondiale di F1 toccherebbe un numero di 22 appuntamenti in una sola stagione, e sarebbe un nuovo record. Sempre che qualche gara – molto vicina a noi – attualmente presente nel mondiale, non venga cancellata dal calendario.


Alberto Murador

Ciao a tutti, il mio nome è Alberto e la mia più grande passione sino dall'età di sette anni è stata la F1, ma poi ho cominciato ad appassionarmi di tutto il mondo del motorsport. Tifoso ovviamente della Ferrari, orgoglioso del " made in Italy ".