F1 | Le Mercedes chiudono il DRS manualmente

Roma, 14 ottobre 2014 – Molto interessante è la notizia che riporta Autosprint questa settimana riguardo un uso  particolare del DRS da parte dei due piloti della Mercedes.

Secondo quanto riportato infatti dal settimanale, i due piloti Mercedes, Hamilton e Rosberg, chiuderebbero manualmente il DRS qualche istante prima della frenata. Ricordiamo che il DRS si chiude in modo automatico nel momento in cui il pilota tocca il pedale del freno.

rosbergA quanto pare però sarebbe stato Rosberg a ideare questa tecnica per primo, “copiata” poi dal compagno di squadra,  grazie alla libertà di lettura delle telemetrie lasciata dalla Mercedes ai suoi due piloti.

Il vantaggio di richiudere prima il DRS sarebbe quello di poter disporre, nel momento della frenata, del maggior carico aerodinamico possibile e non subire variazioni di carico durante l’azione frenante e senza attendere che il carico si stabilizzi nel momento in cui la frenata è già iniziata.

Tutto ciò rende più facile anche il lavoro al Brake-by-Wire che in questo modo non deve intervenire ulteriormente nel bilanciamento della frenata (già interviene per compensare l’MGU-K).

Infine, cosa non meno importante, aiuta l’impianto frenante durante primissima fase della staccata, fornendogli da subito la resistenza aerodinamica massima favorendo la decelerazione e ridurre un minimo il carico di lavoro dei freni.

Va riconosciuto quindi al pilota tedesco di possedere delle capacità tecniche forse anche superiori a quelle di Lewis Hamilton (non è la prima volta che l’inglese riprende da Rosberg alcune intuizioni tecniche) ma che a sua volta può contare forse su una guida più istintiva che lo rende in pista più veloce di Nico.



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

Lascia un commento