giovedì, Febbraio 2, 2023

F1 | Ferrari e Alonso, i perchè di un divorzio inevitabile

03 ottobre 2014 – L’addio di Fernando Alonso alla Ferrari non è ancora notizia ufficiale ma, data la freddezza con cui Sergio Marchionne ha commentato i rumors dal salone di Parigi, i titoli di coda su questa love story travagliata sembrano inevitabili.

Se è vero che l’apporto dato dallo spagnolo alla Ferrari è stato sempre inappuntabile, bisogna comprendere che quella in corso a Maranello è una rivoluzione che non ha precedenti. Fernando Alonso è stato il centro di un progetto nato nel 2010 e ormai naufragato. Certo non per colpa del pilota, ma per colpa di una squadra che non ha saputo dargli una macchina vincente.

Perso Domenicali, persi un nutrito numero di uomini, perso Luca Cordero di Montezemolo alla guida dell’azienda, ora Alonso è rimasto solo. Non avrebbe senso continuare per la Ferrari un rapporto lavorativo con un pilota scontento che negli anni ha accumulato rabbia e scoramento alla guida di una monoposto poche volte competitiva, certamente migliorabile, ma difficilmente leader già nella prossima stagione.

vettel-alonso_2368831bAlonso dal canto suo può andare via a testa alta, certo di avere dato il massimo sempre. Alla sua età non può attendere ma soprattutto non può farlo in un luogo dove ha aspettato troppo. Alla Ferrari dove non sono stati “dei geni” in questo 2014 cosi come non sono “scemi” e sanno che trattenere un pilota non nuovamente soddisfatto potrebbe portare non ad una rinascita ma ad un ulteriore prolungamento di un’agonia sportiva dannosa al prestigio sia del marchio che del pilota.

Il punto sta proprio qui. La Ferrari deve risorgere dalle proprie ceneri magari utilizzando un giovane pilota francese prodotto in casa ripercorrendo le orme del fenomeno Massa (ottimo fino al 2008) o affidandosi all’esperienza di chi è ancora giovane ma già più volte iridato e che può attendere con un po’ di pazienza in più, consapevole che un giorno un mondiale in rosso potrà consegnarlo alla storia come l’erede del pilota Ferrari più amato e vincente di sempre.

Alessandro Francese
Alessandro Francese
Appassionato di sport, motori e Alfa Romeo ho sempre cercato di fare dei miei interessi un lavoro. Dalla tesi su Gianni Brera al mio impegno quotidiano in una concessionaria, almeno in parte, credo di esserci riuscito. Questo però è solo l'inizio! "Se una persona non ha più sogni, non ha più alcuna ragione di vivere." Cit. Ayrton Senna

Ultimi articoli

3,683FollowersFollow
1,140SubscribersSubscribe