lunedì, Novembre 28, 2022

F1 | Test Bahrain, Day 4: Hamilton chiude i test davanti a tutti

2 marzo 2014 – Si chiude la quarta e ultima giornata di test sul circuito di Sakhir, con una sessione allungata di mezz’ora rispetto ai tempi prestabiliti a causa dell’elevato numero di bandiere rosse che si cono avvicendate nel corso della giornata (ben otto).

Il miglior tempo di oggi è stato fatto registrare dalla Mercedes di Lewis Hamilton, che ha fermato il cronometro sul tempo di 1’33″578, a 20 millesimi dal tempo fatto registrare ieri da Massa. L’inglese della Mercedes, però, non è riuscito a sfruttare negli ultimi giri le gomme super soft per migliorare ulteriormente il tempo di giornata.

L’alfiere delle Frecce d’Argento ha però dovuto attendere le 10.45 per scendere in pista a causa di un problema che si è verificato al cambio della propria Mercedes, che non gli ha consentito di accumulare un elevato numero di giri.

Termina anzitempo, invece, la giornata di Williams e McLaren, con Bottas (al primo stop in 12 giorni di test) e Button (quest’ultimo ha causato due bandiere rosse) che si sono fermati a un’ora dalla fine della sessione per raggiunto limite di chilometraggio. La Force India di Hulkenberg, invece, ha avuto alcuni problemi, perché ha causato una delle otto bandiere rosse della giornata, terminando comunque al quarto posto della giornata, anche se a 2″2 dal leader Hamilton.

raikk-bahrainProblemi, invece, per la Ferrari. Se le prestazioni della F14-T possono convincere (Alonso è terzo a 1 secondo) a destare preoccupazione è invece l’affidabilità. Sono infatti ben due le bandiere rosse causate dallo spagnolo nel corso della giornata. Se a questo si aggiunge anche una terza bandiera rossa causata dalla Sauber di Gutierrez, i problemi per i team motorizzati Ferrari cominciano a farsi seri. Problemi elettrici anche per Chilton su Marussia, che però ha compiuto 61 giri e quasi al termine della sessione ha migliorato il suo tempo di ben 3 secondi, portandosi sul 1’36″835, che lo ha portato in settima posizione (davanti a due mostri sacri come Button e Vettel).

I team motorizzati Renault, invece, continuano a essere in crisi. Grosjean è stato vittima di un principio di incendio e anche lui ha causato ben 2 bandiere rosse, mentre Vettel si è ritrovato invischiato in una serie di difficoltà che ne hanno limitato sia la prestazione (è infatti nono a ben 4 secondi da Hamilton) che l’affidabilità, costretto a una lunga serie di in-out nel corso della mattinata, completando comunque 77 giri.

Chi invece pare non avere problemi di affidabilità è la Caterham, che nella giornata di oggi ha compiuto 106 giri, anche se relegato al penultimo posto della classifica, a 5 secondi dal leader. Buono anche il riscontro della Toro Rosso di Vergne, quinto a 2″4 da Hamilton e con 74 giri percorsi (al pari di Alonso e Hulkenberg), che si dimostra comunque una monoposto che coniuga discrete prestazioni a una buona affidabilità.

La tabella dei tempi dei test del 1 marzo 2014: 

 1.  Lewis Hamilton     Mercedes              1'33"278           69
 2.  Valtteri Bottas    Williams-Mercedes     1'33"987  +0"709  108
 3.  Fernando Alonso    Ferrari               1'34"280  +1"002   74
 4.  Nico Hulkenberg    Force India-Mercedes  1'35"577  +2"299   74
 5.  Jean-Eric Vergne   Toro Rosso-Renault    1'35"701  +2"423   74
 6.  Adrian Sutil       Sauber-Ferrari        1'36"467  +3"189   91
 7.  Max Chilton        Marussia-Ferrari      1'36"835  +3"557   61
 8.  Esteban Gutierrez  Sauber-Ferrari        1'37"303  +4"025   86
 9.  Sebastian Vettel   Red Bull-Renault      1'37"468  +4"190   77
10.  Jenson Button      McLaren-Mercedes      1'38"111  +4"833   22
11.  Kamui Kobayashi    Caterham-Renault      1'38"391  +5"113  106
12.  Romain Grosjean    Lotus-Renault         1'39"302  +6"024   32

Cristian Buttazzoni
Cristian Buttazzoni
"Life is about passions. Thank you for sharing mine". (M. Schumacher) Una frase, una scelta di vita. Tutto simboleggiato da un numero, il 27 (rosso, ma non solo)
3,668FollowersFollow
1,150SubscribersSubscribe