F1 | Jerez, Day 3: Mclaren e Mercedes al top, lascia la Red Bull

30 Gennaio 2014 –  Si è conclusa la terza giornata di test in programma sul circuito di Jerez. A sorpresa sono ancora la Mclaren al top mentre le Red Bull sono in grave difficolta.

Alzi la mano chi aveva previsto un’avvio di stagione così difficile per la casa di Milton Keynes. Nessuno, immaginiamo. Furbata di Newey o meno, i fatti parlano di un Christian Horner e Adrian Newey che a metà giornata hanno mollato la combricola dei test a Jerez, si sono imbarcati sul primo aereo in volo verso l’Inghilterra e si sono subito messi al lavoro per recuperare un gap dai rivali enorme. Il problema pare causato da un motore Renault ancora indietrissimo nella fase di sviluppo, ma non si possono escludere altri problemi progettuali alla RB10.

I problemi non hanno riguardato solo la Red Bull, anche la Toro Rosso ha avuto seri problemi sulla vettura di Jean Eric Vergne e Frinjs sulla Caterham non ha neppure fatto segnare un tempo valido. Il pilota francese è rimasto per ben due volte fermo sulla pista. La curiosità è che l’ultimo stop forzato è avvenuto mentre “JEV” stava cercando di riprendere la pista per proseguire i test e il danno era stato, in teoria, appena riparato. Vergne non è manco riuscito a prendere la pista (ha parcheggiato in pit-lane) e ha scaturito l’uscita della quarta red flag della giornata. Le altre due bandiere rosse sono state causate da uno stop per Alonso (problema risolto senza perdita particolare di tempo), e da un botto di Sutil causato dalla rottura della sospensione posteriore.

Chi sorride a 40 denti, invece, è la Mclaren che per la seconda volta in due giorni piazza un suo pilota col miglio tempo a fine giornata. Dopo Button ieri, oggi è il giovane Kevin Magnussen a far segnare il miglior Crono della giornata e di tutta la sessione di test fino ad ora svolta. Un risultato eccezionale che fa sperare al team di Woking di essere sulla strada giusta per la ripresa dopo l’ Hannus Horribilis che è stato il 2013. Sorridono anche in Mercedes sia come team che come fornitori motori. I problemi di martedì mattina sembrano un lontanissimo ricordo, e Hamilton è stato anche in testa con un buon margine prima che Magnussen decidesse di scendere con le coperture morbide. Sorride finalmente anche la Williams con Massa autore del secondo miglior tempo proprio davanti ad Hamilton. Button quarto completa un poker di motori Mercedes che dovrebbe far passare il sonno ai motoristi Renault.

La Ferrari ha passato la terza giornata di test a cercare di studiare i flussi aereodinamici vicino alle ruote e sulla pance della F 14 T. I riscontri sembrano positivi anche se è ancora presto per parlarne. Se si considera l’approccio diverso di Ferrari al test odierno rispetto ai rivali il 5° tempo di Alonso è tutt’altro che da buttare alle ortiche.

Ecco un riassunto dei tempi cronometrati:

1° Kevin Magnussen (McLaren) 1:23.276  50 giri
2° Felipe Massa (Williams) 1:23.700  47 giri
3° Lewis Hamilton (Mercedes) 1:23.952  62 giri
4° Jenson Button (McLaren) 1:25.030 40 giri
5° Fernando Alonso (Ferrari) 1:25.495 57 giri
6° Nico Hulkenberg (Force India) 1:26.096  17 giri
7° Jean-Eric Vergne (Toro Rosso) 1:29.915  28 giri
8° Adrian Sutil (Sauber) 1:30.161  33 giri



Luca Sarpero

28 anni di vita e 29 passati ad amare la Formula 1. Senza se e senza ma. Amante del web per passione, storico di F1 per vocazione.