F1 | La FIA ha verificato la Red Bull di Vettel
 

 


F1 | La FIA ha verificato la Red Bull di Vettel

29 ottobre 2013 – Domenica sera la Federazione è stata chiamata agli straordinari per verificare la regolarità del T-Tray della RB9 dopo alcune ipotesi-“accuse” formulate da Gary Anderson, ex ingegnere di Jordan e Stewart.

vetteltondoL’ex tecnico, ora commentatore per la BBC inglese, aveva infatti ipotizzato, la possibilità che la Red Bull riuscisse ad alzare il suo T-Tray dopo che questo si fosse surriscaldato a causa dello sfregamento con l’asfalto. Anderson infatti basava la sua teoria su quanto visto attraverso le telecamere termiche montate sulla Red Bull, che evidenziavano una temperatura molto alta nella zona dello splitter.

Molti, nel paddock affermano che i top team abbiano qualche tipo di sistema che riesca ad alzare il pattino anteriore, e in questo modo avvicinare ancor di più la parte anteriore della vettura al suolo. La Force India ad esempio non si è mai nascosta ed ha sempre parlato di una vera e propria cospirazione dei top team (fonte Auto Motor Und Sport).

Joe Bauer delegato tecnico della FIA, nel tentativo di mettere a tacere queste ipotesi/accuse ha effettuato una verifica mai eseguita prima. Ha infatti volutamente fatto riscaldare il T-Tray della Red Bull fino a 300°C, per verificare se questo si spostasse dalla sua posizione originale. A fine test si è potuto quindi verificare che il pattino, seppur surriscaldato, non si muoveva e che quindi la Red Bull di Sebastain Vettel era assolutamente regolare.

Per chi volesse saperne di più sul T-Tray o Splitter, vi indichiamo il nostro articolo [qui]



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

Lascia un commento