F1 | Red Bull punta su un ala posteriore ultra slim

23 agosto 2013 – La Red Bull punta alla semplicità e quindi su una ala posteriore molto scarica e semplificata.

Sono state eliminate le fessure ai lati dell’alettone posteriore e resa quindi molto semplificata ed essenziale. (vedi rettangoli gialli)

Un profilo alare con un’inclinazione minima in versione “ultra slim”, sia del profilo principale che della superficie mobile. Proprio quest’ultima è stata a sua volta semplificata rimuovendo la conformazione a V del bordo d’uscita della superficie. (vedi freccia gialla)

red_bull_ala_post_3

La Red Bull punta quindi su di un assetto particolarmente scarico e forse anche leggermente più scarico ed estremo dei suoi avversari. Ricordiamo infatti che le velocità di punta del team di Milton Keynes non sono mai state elevate e forse, consapevoli di questo, hanno voluto scaricare maggiormente le ali della Red Bull RB9 per consentirgli sui lunghi rettilinei di Spa di poter raggiungere delle velocità vicine a quelle degli avversari.

Invariata invece sembra la conformazione dell’ala anteriore



1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Antonio Granato

F1 Freelance Technical Analyst - AME-Aircraft Maintenance Engineer - Ideatore e Coordinatore di F1sport.it - Ideatore e radio-conduttore di #PitTalk - Blogger ilfattoquotidiano.it - collaboratore di Autosprint Twitter: @antoniogranato

Lascia un commento