F1 | Horner cauto: “Le cose possono cambiare in fretta”

28 agosto 2013 – Tutti danno per finito questo mondiale di Formula 1 2013, in quanto il vantaggio di Sebastian Vettel, e della sua Red Bull, pare incolmabile, ma è lo stesso team principal del team anglo-austriaco Chris Horner a placare gli animi e a confidare nella massima concentrazione da parte di tutti.

Il giovane tri-campione del mondo, Sebastian Vettel, è al comando della classifica mondiale con 46 punti sul suo più immediato inseguitore, Fernando Alonso. Un vantaggio di quasi 2 gran premi, che li permetterebbe, qual’ora tale margine rimanesse intatto, di vincere il suo quarto mondiale consecutivo gia ad Austin con 2 Gp di anticipo.

horner-redbull-f1Nonostante tale margine enorme, Chris Horner frena gli entusiasmi: “Penso che la fiducia in se stesso è ovviamente alta, Sebastian sta andando davvero molto bene.” dichiara Horner. A Spa è stato impeccabile, ma le cose possono cambiare molto velocemente come abbiamo visto l’anno scorso,riferendosi al duello con Fernando Alonso- quindi c’è ancora una lunga strada da percorrere, un sacco di corse ancora in programma, e il nostro approccio è quello di fare una gara alla volta e cercare di ottenere il meglio possibile da ogni fine settimana“.

Chris Horner invita, quindi, tutti alla calma e ricorda come è facile “divorarsi” un margine in campionato amplissimo in poche gare. Successe, effettivamente, ad Alonso l’anno scorso, peccato che nel 2012, a favorire la “remuntada” di Vettel, fu una Red Bull che, dopo una prima parte di mondiale non da pelle d’oca, ritrovò se stessa e le vittorie non tardarono ad arrivare. Oggi, invece, la Ferrari non sembra ancora al livello di poter insidiare la leadership di Horner & Co. e se la rossa non saprà approfittare di ogni minimo problema alla Red Bull, la “remuntada” sarà impossibile.


1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Luca Sarpero

28 anni di vita e 29 passati ad amare la Formula 1. Senza se e senza ma. Amante del web per passione, storico di F1 per vocazione.

Lascia un commento